Compri da EMAG, Giornate della moda, elefante.ro, Libris.ro attraverso i nostri link di affiliazione e aiuta a finanziare il sito airlinestravel.ro. Non ti costa nulla in più, ma ci aiuta a sviluppare questo progetto. Grazie!

Voli cancellati o in ritardo? >>Richiedi un risarcimento ORA<< per volo in ritardo o cancellato e puoi ricevere fino a 600 € di risarcimento!

2012 è stato l'anno con il miglior punteggio di sicurezza aerea nella storia dell'aviazione

1 408

Articolo scritto da Maria Vasiliu!

Associazione internazionale per il trasporto aereo (IATA) ha annunciato che 2012 è stato l'anno migliore per la sicurezza aerea nella storia dell'aviazione, secondo i dati registrati fino a novembre 30 2012. IATA controlla circa il 84% del traffico aereo totale, essendo un'organizzazione a cui 242 ha aderito le compagnie aeree.

"La percentuale di incidenti aerei nel mondo è diminuita del 17% rispetto al 2011, con una media di 1 incidente ogni 5,3 milioni di voli"

, secondo la dichiarazione resa dal vicepresidente del dipartimento di sicurezza operativa della IATA, Günther Matschnigg. Ha anche sottolineato che l'industria aeronautica ha raggiunto un incredibile livello di sicurezza e 2012 è il terzo anno consecutivo in un record mondiale.

Secondo i dati pubblicati dalla IATA, il numero di incidenti registrati dalle compagnie aeree associate è stato ridotto, fino a 30 novembre 2012, del 45%. Pertanto, la media degli incidenti è scesa da 1,89 a 1 milioni di voli, a 1,03.

Inoltre, per la prima volta nel settore dell'aviazione, non è stata conteggiata alcuna perdita di aeromobili costruiti in Occidente. Solo gli aerei 5 hanno subito gravi danni le cui riparazioni hanno superato il costo di produzione. In 2011 c'erano aerei danneggiati 11.

"Secondo i dati riportati, una persona coinvolta in un incidente aereo dovrebbe volare ogni giorno per 14000 giorni consecutivi (oltre 38 anni)"

aggiunto Matschnigg. Ciò dimostra ancora una volta che l'aereo è il mezzo di trasporto più sicuro.

Nei primi undici mesi dell'anno 2012, solo il 15% di tutti gli incidenti, soprattutto sulle passerelle, ha provocato decessi, rispetto a 2011, quando la percentuale era 26%. E il numero di deceduti è diminuito considerevolmente da 490 a 2011 a 401 morti in 2012.

Gli incidenti sono dovuti principalmente a errori di pilotaggio. 19% degli incidenti si è verificato dopo la perdita del controllo dell'aereo. Guasti meccanici o guasti del carrello di atterraggio hanno comportato il 18% di incidenti. Le decisioni errate di atterraggio dell'aeromobile hanno comportato la produzione di 16% degli incidenti totali.

Nella classifica dei voli per continente e regione, in 2012, l'Africa ha registrato i risultati peggiori, con incidenti 12,9 con 1 milioni di voli. In 2011 ha funzionato molto meglio, con un indice di sicurezza degli incidenti 8.08 su 1 milioni di voli. Ma penso che la situazione cambierà nel prossimo futuro. Il continente africano diventerà l'obiettivo di diverse compagnie aeree. Si apriranno nuove rotte commerciali e turistiche.

In Europa la situazione non era troppo buona, come previsto. In 2012 ci sono stati incidenti 2.24 su milioni di voli 1, rispetto a 2011 quando si sono verificati incidenti 1.68 su milioni di voli 1.

Dall'altra parte della barricata, con ottime notizie arrivano l'America Latina, il Nord America, il Medio Oriente, i paesi dell'ex Unione Sovietica e l'Asia del Nord. Nelle ultime quattro regioni menzionate, non sono stati riportati decessi in 2012.

Considerando questi dati, chi ha ancora paura di volare in aereo? :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.