Finora sono stati emessi circa 600 milioni di passaporti digitali COVID-19!

0 107

La Commissione europea ha rivelato che il certificato digitale COVID-19 dell'UE ha svolto un ruolo significativo nella risposta dell'Europa alla pandemia di COVID-19, poiché finora sono stati generati oltre 591 milioni di certificati.

In un comunicato stampa del 18 ottobre, la Commissione Ue ha spiegato che il certificato, che copre la vaccinazione, il recupero e i test COVID-19 dei titolari, ha notevolmente facilitato i viaggi sicuri. Inoltre, il documento è stato anche una componente chiave nel sostenere l'industria turistica europea gravemente colpita dalla pandemia.

Il certificato digitale COVID-19 dell'UE è stato visto come un successo globale, poiché ha fissato uno standard globale ed è l'unico sistema attualmente operativo a livello internazionale.

"Il sistema di certificati digitali COVID dell'UE ha contribuito a mitigare gli effetti economici negativi della pandemia. Ha dato ai viaggiatori la sicurezza di viaggiare in sicurezza nell'UE e ha aumentato i viaggi quest'estate", ha affermato. Il commissario alla giustizia Didie Reynders.

Attualmente, 43 paesi sono già collegati al sistema dell'UE, di cui 27 sono Stati membri dell'UE, tre dei quali sono paesi dello Spazio economico europeo (SEE) e altri 12 territori e paesi.

Inoltre, 60 paesi terzi hanno mostrato interesse ad aderire al sistema COVID-19 dell'UE. Ad eccezione di quelli che sono già stati collegati con successo al sistema, 28 dei 60 paesi che desiderano aderire a questo sistema sono ancora in fase di elaborazione.

Airports Council International (ACI Europe) ha riferito che nel solo luglio 2021 il numero di passeggeri è aumentato di oltre il 50% rispetto a luglio 2020. Questo cambiamento nelle cifre è principalmente attribuito al lancio del certificato digitale UE COVID-19, insieme al riduzione delle restrizioni sui passeggeri viaggi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.