Cipro ha rinunciato a tutte le regole COVID-19

0 139

L'obbligo di indossare le mascherine protettive all'interno è stato completamente rimosso, tranne che nelle aree ad alto rischio come ospedale, trasporti pubblici e farmacie. La decisione è stata annunciata dal ministro della Salute cipriota, Michalis Hadijpantela, che ha citato come fattore principale il miglioramento della situazione epidemiologica.

"Si raccomanda che le persone appartenenti a gruppi vulnerabili e le persone che interagiscono con persone ad alto rischio indossino maschere", riporta i media locali ciprioti, ricordando ai cittadini di stare attenti.

Inoltre, a partire dal 31 agosto, ristoranti, discoteche, stadi, chiese e casinò potranno utilizzare la loro piena capacità, il che significa che non c'è limite al numero di persone autorizzate a condividere tale spazio.

Anche i test rapidi obbligatori sono stati eliminati, ma il governo ha distribuito un pacchetto gratuito di cinque autotest a tutti gli alunni della scuola primaria e dell'asilo che ritornano. Sebbene il requisito del test obbligatorio sia stato rimosso, tutti gli studenti e il personale docente devono completare un autotest prima di tornare a scuola. Inoltre, a tutti sarà consigliato un test rapido o un autotest settimanale, indipendentemente dal fatto che siano completamente, parzialmente o non vaccinati.

"Dopo tre anni, siamo in grado di allentare le misure attuali, poiché i dati epidemiologici mostrano un miglioramento significativo nel nostro Paese. Continueremo a sensibilizzare sulla necessità di aderire alle misure di protezione e sui benefici della vaccinazione contro il COVID-19, tra gli altri", ha affermato il ministro della Salute.

Le nuove misure indicano che Cipro è completamente aperta ai turisti e, come ha rivelato il ministro del Turismo Savvas Perdios, il Paese ha già raggiunto l'80% dei suoi livelli pre-pandemia nel turismo, accogliendo quasi quattro milioni di turisti a luglio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.