I dipendenti RYANAIR all'aeroporto di Charleroi sono stati costretti a effettuare test antidroga sui loro soldi

0 640

Secondo il sindacalista Didier Lebbe, alcuni dipendenti Ryanair che lavorano all'aeroporto di Charleroi in Belgio hanno ricevuto la notifica di dover eseguire un test antidroga in un hotel vicino all'aeroporto. "Non siamo contrari a tali test, ma questi dipendenti hanno dovuto pagare 50 euro per il test".

"Spetta a un medico del lavoro amministrare il test", afferma Lebbe. "In questo caso, i dipendenti di Charleroi con sede a Charleroi sono stati chiamati da Crewlink (un subappaltatore di Ryanair) per essere testati in un hotel vicino all'aeroporto di Charleroi e hanno scoperto che dovevano pagare 50 euro per il test, che potevano essere detratti dal loro prossimo stipendio . "

Secondo un annuncio interno, Crewlink ha minacciato di licenziare i dipendenti che avrebbero rifiutato il test e ha chiesto ai dipendenti di non sostenere il test durante l'orario di lavoro, ma nel tempo libero. Secondo Lebbe, Crewlink è una società "completamente illegale" in Belgio. "Non solo questa società non è più attiva in Belgio, ma non ha diritto a essere pagata per eseguire questi test".

Crewlink era attiva in Belgio molti anni fa, con molti dipendenti Ryanair impiegati da questa compagnia, dove avevano condizioni di lavoro peggiori rispetto a Ryanair. Nel febbraio 2019, la direzione e i sindacati hanno concordato che tutti i dipendenti Ryanair riceveranno un contratto corrispondente e Crewlink non opererà più in Belgio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.