Il Portogallo ha riaperto i suoi confini per i turisti europei.

0 587

Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<< per il volo
ritardato o annullato! Puoi ottenere fino a 600€!

Il Portogallo ha riaperto le sue frontiere ai turisti e ai viaggiatori britannici dell'Unione Europea e dell'area Schengen, con un'incidenza inferiore a 14 casi ogni 500 abitanti negli ultimi 100.000 giorni. Il 17 maggio è anche la data in cui Il Regno Unito ha dato il via libera alla ripresa dei viaggi internazionali, Il Portogallo è sulla lista verde del Regno Unito.

In una dichiarazione, le autorità hanno affermato oggi che coloro che vogliono viaggiare da quei paesi, che includono gran parte dell'Unione europea, così come la Spagna, non deve essere messo in quarantena all'arrivo in territorio portoghese. Saranno tenuti a presentare un test PCR negativo per COVID-19 solo al momento dell'imbarco sull'aereo, che è stato eseguito un massimo di 72 ore prima del volo.

L'annuncio della riapertura ai paesi a bassa incidenza è arrivato il giorno dopo che i funzionari portoghesi del turismo hanno dato il via libera all'arrivo dei turisti britannici.

Il 17 maggio il Portogallo ha riaperto i suoi confini per i turisti britannici e dell'UE e l'area Schengen.

Secondo il comunicato, le compagnie aeree che consentono l'imbarco ai passeggeri senza l'esistenza di un test PCR negativo possono ricevere multe comprese tra 500 e 2.000 euro per ogni passeggero. Tuttavia, queste misure influiscono anche sul traffico marittimo. Il Portogallo ha dato il via libera alla riapertura delle frontiere per i turisti nel Regno Unito, il che ha facilitato i proprietari di hotel, che hanno già visto un boom di prenotazioni dopo che il Regno Unito ha incluso il Portogallo nella lista verde nel sistema di semafori che utilizza.

Dopo un blocco senza precedenti di oltre 19 settimane senza viaggi internazionali e turistici nel Regno Unito, è prevista la partenza di 30 voli per le vacanze per il Portogallo, secondo "The Independent".

Il giornalista specializzato nel settore turistico, Simon Calder, ha denunciato l'interpretazione fatta dal Dipartimento dei Trasporti della normativa della lista verde, secondo la quale "Le persone che si trovano in un paese che è stato aggiunto alla lista verde solo alle 4 del mattino del 17 maggio dovranno autoisolarsi quando arriveranno nel Regno Unito".

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.