Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<< per il volo
ritardato o annullato! Puoi ottenere fino a 600€!

Il regime di Lukashenko della Bielorussia ha "dirottato" un aereo RYANAIR diretto a Minsk per arrestare un oppositore dell'attuale presidente, Alexander Lukashenko

0 695

La mattina di domenica 23 maggio 2021 si è svolto un evento aeronautico senza precedenti. Il volo FR4978 Atene - Vilnius, operato da RYANAIR, è stato dirottato su Minsk per volere del regime di Lukashenko. L'ordine di intercettare l'aereo commerciale sarebbe stato dato dallo stesso presidente Alexander Lukashenko. 

A bordo erano 123 le persone, tra cui Roman Pratasevic, che ha gettato le basi del canale Nexta su Telegram, diventando così una delle principali fonti di notizie contro Alexander Lukashenko. È ostile al leader bielorusso e ha contribuito a coordinare le proteste.

L'intercettazione e la deviazione dell'aereo su Minsk è stata effettuata con un aereo MiG-29 con il pretesto dell'esistenza di una bomba a bordo. Successivamente si è scoperto che tutto era solo un'azione molto ben orchestrata da Alexander Lukashenko. Ci sono anche informazioni che circolano sulla stampa internazionale secondo cui 5 agenti del KGB, il servizio di sicurezza della Bielorussia, erano a bordo dell'aereo.

Deviazione dell'aereo Boeing 737-800 RYANAIR

Deviazione dell'aereo Boeing 737-800 Ryanair su Minsk

Il Boeing 737-800 (SP-RSM) RYANAIR è decollato da Minsk alle 20:47, con 117 passeggeri a bordo, 6 in meno rispetto al volo iniziale decollato da Atene. È atterrato a Vilnius, destinazione finale, alle 21:27.

L'azione intrapresa dal regime di Lukashenko in Bielorussia ha attirato forti critiche e forti reazioni da parte dei leader europei, secondo BBC.

Il presidente lituano Gitanas Nauseda ha accusato la Bielorussia di "brutta azione", mentre il ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkevics ha affermato che l'azione della Bielorussia è "contraria al diritto internazionale".

Grecia e Francia hanno espresso la loro rabbia. Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha dichiarato: "Il dirottamento di un aereo civile è un atto di terrorismo di stato senza precedenti che non può rimanere impunito".

Il ministero degli Esteri tedesco ha detto che la Bielorussia dovrebbe spiegare immediatamente sia il rapimento che il presunto arresto di Pratasevich.

FOTO @tutby

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha affermato che si è trattato di un "incidente grave e pericoloso".

L'Agenzia delle Nazioni Unite per l'aviazione civile, ICAO, ha espresso preoccupazione per un "apparente atterraggio forzato" che potrebbe "contravvenire alla Convenzione di Chicago", che stabilisce regole sullo spazio aereo e sulla sicurezza degli aerei.

In Gran Bretagna, Tom Tugendhat, presidente della commissione per gli affari esteri della Camera dei comuni, ha affermato che "costringere un aereo ad atterrare per mettere a tacere le voci dell'opposizione è un attacco alla democrazia".

Comunicato stampa rilasciato da RYANAIR

La compagnia aerea irlandese Ryanair ha confermato l'incidente e ha detto di essere stata avvertita di una minaccia alla sicurezza dalle autorità bielorusse. Fortunatamente, "non è stato trovato nulla"!

"Ryanair ha informato le agenzie di sicurezza e protezione nazionali ed europee competenti e ci scusiamo sinceramente con tutti i passeggeri colpiti da questo sfortunato ritardo, che era al di fuori del controllo di Ryanair.", è mostrato in un comunicato della società

Speriamo che questa situazione non rimanga solo a livello di dichiarazioni. Ci sono domande sulla libertà di volo: quanto possono essere vulnerabili altri voli a questo tipo di comportamento? Alcuni lo chiamano già un atto di aggressione o terrorismo di stato, una forma di appropriazione indebita. I passeggeri erano in pericolo? Quale precedente si può stabilire? I voli dovrebbero essere rimossi dallo spazio aereo bielorusso?

Resta da vedere cosa accadrà!

Vedendo cosa sta succedendo in Bielorussia, potremmo apprezzare di più il fatto che in Romania abbiamo ancora la libertà di espressione e un MiG non viene a farci tacere. Allo stesso tempo, forse apprezziamo di più la presenza della Romania nell'UE!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.