Israele aggiunge 10 paesi alla lista rossa dei viaggi vietati

0 542

Dopo aver vietato tutti i viaggi all'estero in risposta alla scoperta della variante Omicron, Israele ora aggiungerà 10 nuovi paesi alla "lista rossa" dei luoghi in cui cittadini e residenti israeliani non possono viaggiare.

Ufficialmente, a partire dalla mezzanotte del 22 dicembre, gli israeliani non potranno più viaggiare negli Stati Uniti, in Canada, Germania, Belgio, Ungheria, Italia, Marocco, Portogallo, Svizzera e Turchia. Attualmente ci sono 58 paesi nella "lista rossa" di Israele.

I cittadini israeliani di ritorno dai paesi della "lista rossa" devono passare attraverso il completo isolamento, indipendentemente dallo stato di vaccinazione o di guarigione dal virus. L'isolamento completo è considerato 14 giorni. Il periodo di quarantena può essere ridotto a 7 giorni se vengono eseguiti due test PCR - uno all'arrivo e l'altro il 7° giorno di isolamento - ed entrambi hanno esito negativo.

Israele ha visto un aumento del numero di casi, secondo il tracker di Reuters COVID-19. Al 20 dicembre, il paese aveva una media di 753 casi al giorno. Ha imposto restrizioni di viaggio per superare la variante Omicron, che dovrebbe essere più contagiosa delle varianti precedenti.

Israele è stato notato come un esempio di successo della nuova campagna di vaccinazione contro il coronavirus. Sebbene la popolazione sia pesantemente vaccinata, Israele richiede un permesso verde per gli incontri con più di 50 persone tenute al chiuso. Un permesso verde significa che una persona è stata vaccinata, guarita o è risultata negativa al coronavirus.

Vi ricordiamo che, dal 29 novembre, è vietato l'ingresso di cittadini stranieri in Israele, salvo nei casi approvati dal Comitato delle Eccezioni, ed è necessario ottenere un permesso di ingresso. Permesso di entrata  che viene concesso dall'Autorità per l'immigrazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.