L'Islanda reintroduce l'obbligo di test per i viaggiatori vaccinati

0 406

Le autorità islandesi hanno annunciato che tutte le persone vaccinate e quelle guarite dall'infezione da COVID-19 devono mostrare - all'ingresso in territorio islandese - il risultato negativo di un test PCR o di un test rapido dell'antigene che non sia stato eseguito più di una volta.72 ore prima . La decisione entrerà in vigore il 27 luglio.

Secondo un comunicato stampa diffuso dal governo, questa decisione è stata presa dal ministro della Salute, su raccomandazione del capo epidemiologo islandese. Le autorità consigliano anche alle persone che conoscono il paese in Islanda di sottoporsi a test all'arrivo, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno i sintomi della malattia.

L'Islanda sta reintroducendo l'obbligo di test per i viaggiatori vaccinati o malati dal 27 luglio.

Come menzionato nel memorandum del capo emidemiologo, le infezioni da COVID-19 sono recentemente aumentate in Islanda, con la maggior parte dei casi positivi Delta. Secondo l'ECDC Assessment Brief pubblicato il 23 giugno, la variante Delta è quasi il 60% più trasmissibile rispetto al ceppo originale.

I viaggiatori che arrivano in Islanda devono fornire documenti in islandese, inglese, danese, norvegese, svedese o francese. Potranno essere accettati documenti in altre lingue purché provvisti di una traduzione giurata aggiuntiva in una delle lingue sopra indicate.

I bambini di almeno 16 anni continueranno ad essere esenti da tutte le restrizioni alle frontiere.

L'Islanda ha annunciato di riconoscere tutti gli otto vaccini approvati dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA) e dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), come mostrato nell'elenco seguente:

  • Comirnaty - Pfizer / BioNTech
  • Vaxzevria - AstraZeneca
  • AstraZeneca / SK Bio
  • Vaccino AstraZeneca (Covishield), Serum Institute of India
  • Janssen - Cilag International
  • Spikevax; MRNA - 1273, Biotecnologie moderne
  • Vero Cell - Sinopharm / Istituto di prodotti biologici di Pechino
  • Sinovac-CoronaVac (True Cell), Sinovac Life Sciences
  • Nonostante l'EMA non lo abbia approvato, il Paese è tra i pochi Paesi europei che riconoscono il vaccino Covishield.

L'Islanda ha iniziato a implementare Certificato digitale UE COVID all'inizio di giugno. Tuttavia, il Paese ha mantenuto le misure alla frontiera fino al 1° luglio, su raccomandazione del capo epidemiologo.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, l'Islanda non ha riportato decessi per complicanze del COVID-19, ma nelle ultime 179 ore sono stati segnalati 24 casi positivi. Dall'inizio della pandemia nel 2020, il Paese ha registrato 30 decessi per coronavirus e 7.233 casi positivi. Attualmente, il 71.1% della popolazione islandese è completamente vaccinato (253.666), mentre 267.830 persone hanno ricevuto la prima dose di un vaccino COVID (75% della popolazione).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.