L'Italia estende la quarantena per i viaggi nell'UE fino al 15 maggio

0 1.100

L'Italia estende la quarantena per i viaggi nell'UE fino al 15 maggio, al più presto. Chi volesse recarsi in Italia da Paesi dell'Unione Europea o Schengen resta obbligato a rispettare le regole di quarantena all'arrivo sul territorio italiano, in quanto il governo del Paese ha prorogato lo stato di emergenza fino al 15 maggio.

Secondo l'ordinanza firmata dal Ministero della Salute, i viaggiatori provenienti dall'UE o dall'area Schengen devono presentare un risultato negativo di un test COVID-19 all'arrivo, non più vecchio di 48 ore, e quindi devono autoisolarsi per cinque giorni. Dopo cinque giorni in quarantena, devono eseguire un altro test PCR per COVID-19 e, se ricevono un risultato negativo, saranno in grado di uscire dalla quarantena, riferisce SchengenVisaInfo.com.

L'Italia estende la quarantena per i viaggi nell'UE fino al 15 maggio, al più presto.

A marzo, le autorità italiane hanno annunciato che il Paese avrebbe seguito l'esempio di altri Stati membri dell'UE imponendo ulteriori restrizioni a coloro che entrano nel territorio italiano da uno degli Stati membri dell'UE per fermare l'aumento delle infezioni. Il governo del paese ha quindi chiesto la necessità di estendere i requisiti di test e quarantena per i cittadini dell'UE entro il 30 aprile.

Dall'inizio della pandemia, le autorità italiane hanno segnalato 4.022.653 casi di infezione e 120.807 persone sono morte. L'Italia è all'ottavo posto a livello mondiale. Secondo i dati pubblicati da Worldometers, più di 3.465.670 persone sono completamente guarite dalla malattia, mentre ci sono ancora più di 436.170 casi attivi.

Il governo italiano ha confermato che rafforzerà le regole per chi arriva da India, Sri Lanka e Bangladesh. In base alle restrizioni sui viaggi internazionali, il turismo nei paesi dell'Unione europea rimane possibile. Tuttavia, il Ministero degli Affari Esteri italiano scoraggia i viaggi di piacere ed esorta tutte le persone a non viaggiare all'estero se non strettamente necessario.

A causa della pandemia, le regole di autoisolamento per i viaggiatori dell'UE, introdotte per la prima volta il 31 marzo, sono state prorogate tre volte.

L'Italia ha affrontato una perdita finanziaria totale di 120.6 miliardi di euro e una diminuzione del 51% del contributo del prodotto interno lordo (PIL) del paese nel 2020. Queste cifre sono state tutte il risultato della pandemia di coronavirus, poiché quasi tutti i paesi del mondo hanno temporaneamente sospeso internazionale viaggiare per fermare la diffusione del virus.

Inoltre, più di 330.000 persone impiegate nell'industria turistica italiana hanno perso il lavoro lo scorso anno, affrontando molti problemi. Nel tentativo di rilanciare il settore turistico del paese il mese scorso, le autorità italiane hanno introdotto un piano di vaccinazione "isole senza COVID" per vaccinare tutti gli isolani.

A partire dal 12 aprile, Lombardia, Piemonte, Lazio e la maggior parte delle altre regioni diventeranno arancioni. Restano nella zona rossa solo Campania, Puglia, Sardegna e Valle d'Aosta. Quindi, quelli in zona arancione non potranno lasciare la regione o il comune, ma potranno viaggiare senza limitazioni dalle 05:00 alle 22:00, senza necessità di dichiarazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.