L'Italia potrebbe rinunciare all'obbligo di presentare il Green Pass nel 2022

0 1.692

Le autorità italiane potrebbero rivedere le misure anti-COVID-19 attualmente in vigore, anche sull'utilizzo del Green Pass. Significa che, se la situazione lo consentirà, il Green Pass italiano non sarà più così ampiamente richiesto e utilizzato a partire dal 2022.

"E' lecito ritenere che con il nuovo anno ci possa essere una revisione delle misure restrittive vigenti in Italia, compreso il permesso verde", ha detto. Lo ha detto Costa in un'intervista a Rainews24.

Nella stessa intervista, Costa ha spiegato che lo stato di emergenza in Italia termina alla fine del 2021. Pertanto, indicando che se il numero dei ricoverati continuerà a diminuire e se i tassi di vaccinazione continueranno ad aumentare, i cittadini del Paese potranno tornare alla normalità senza ulteriori misure relative al Coronavirus.

Italian Green Pass è un documento che mostra se una persona è stata vaccinata contro la malattia COVID-19, si è ripresa dall'infezione con il nuovo coronavirus o ha un recente risultato negativo del test nelle ultime 48 ore.

Attualmente, il Green Pass è obbligatorio per tutti, compresi i turisti che desiderano accedere ai trasporti, come autobus, traghetti e aerei, tra gli altri. Inoltre, il permesso è obbligatorio per tutti coloro che vogliono poter accedere a bar, ristoranti, teatri, cinema, musei, piscine, eventi sportivi, palestre, parchi divertimento, convegni e molti altri luoghi e attività.

Oltre a quanto sopra, le autorità italiane hanno annunciato che il certificato Green Pass sarà obbligatorio anche per tutte le persone che lavorano nel settore pubblico e privato, misura che entrerà in vigore il 15 ottobre.

In base alle nuove regole, i lavoratori che rifiutano di farsi vaccinare contro il virus e non sono in grado di presentare uno degli altri due documenti, un certificato di guarigione o un risultato negativo al test saranno sospesi e rischiano di non essere pagati dopo il quinto giorno. . Dopo l'annuncio, migliaia di italiani hanno protestato per le strade di Milano, Roma e Trieste.

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha rivelato che la situazione del coronavirus è notevolmente migliorata in Italia. Negli ultimi 14 giorni il Paese ha registrato meno di 50 casi ogni 100 abitanti. Pertanto, l'Agenzia per la salute dell'UE ha suggerito agli Stati membri dell'UE di allentare le regole di ingresso nei confronti dei viaggiatori provenienti dall'Italia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.