Dal 1° agosto l'Italia vieta alle navi da crociera di entrare a Venezia

2 434

L'Italia vieta alle navi da crociera di entrare a Venezia dopo anni di attività di lobbying e tutto per proteggere l'ambiente e il patrimonio della città. Il divieto entrerà in vigore il 1° agosto e copre tutte le navi di peso superiore a 25.000 tonnellate. Non sarà più possibile entrare nel Canale della Giudecca che passa davanti a Piazza San Marco, il simbolo più famoso della città.

Il governo italiano ha finalmente deciso di ufficializzare la decisione dopo che l'UNESCO ha minacciato di inserire il Paese nella lista nera perché consente alle navi da crociera di entrare nei canali della città. Un decreto ufficiale è stato annunciato dal ministro della Cultura italiano, Dario Franceschini. La nuova normativa prevede un risarcimento per le aziende ei lavoratori coinvolti, ha detto al ministero della Cultura.

L'Italia vieta alle navi da crociera di entrare a Venezia dal 1 agosto.

La soglia delle 25.000 tonnellate significherà che solo i piccoli traghetti e le navi mercantili potranno utilizzare la Giudecca, ad eccezione di tutte le navi da crociera che di solito pesano almeno quattro volte di più e possono raggiungere più di 200.000 tonnellate. I residenti di Venezia hanno protestato il mese scorso quando l'orchestra MSC ha navigato attraverso la laguna per raggiungere la Croazia e la Grecia.

Il governo italiano ha approvato ad aprile un decreto per la costruzione di un terminal fuori laguna, dove possano attraccare navi passeggeri di oltre 40.000 tonnellate. Il 29 giugno è stato pubblicato il bando di gara per la costruzione del terminal. Nel frattempo, alle grandi navi è stato detto di attraccare al porto industriale di Marghera, ma questa soluzione intermedia non è ancora pronta, in quanto Marghera non dispone di un adeguato punto di attracco.

Clia ha detto che "L'industria delle crociere supporta da molti anni un nuovo approccio, quindi questo è un grande passo avanti. Anche la decisione del governo di nominare un commissario speciale per accelerare il processo è una decisione positiva. Ora non vediamo l'ora di fare progressi nel fornire accordi di attracco alternativi in ​​tempo per la stagione estiva del 2022”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.