L'Ungheria attuerà il "Certificato digitale UE COVID" a partire dal 30 giugno

0 271

multe I paesi dell'UE hanno iniziato a rilasciare passaporti di viaggio digitali, ma l'Ungheria è rimasta indietro. Le autorità di Budapest hanno annunciato che il "Certificato digitale UE COVID" sarà pronto entro il 15 giugno, ma a causa di ritardi il Paese ha rivelato che il documento non sarà presentato prima del 30 giugno.

Al fine di soddisfare tutti i requisiti imposti dall'Unione Europea in merito alla tempestiva attuazione del passaporto digitale COVID, l'applicazione stabilita dalle autorità ungheresi indicherà il tipo di vaccino che è stato somministrato e le date in cui sono state somministrate le dosi. Si prevede che l'introduzione del passaporto il 30 giugno non sarà un problema per le autorità ungheresi, come "Certificato digitale EU COVID" entrerà ufficialmente in vigore il 1° luglio.

L'Ungheria attuerà il "Certificato digitale UE COVID" a partire dal 30 giugno.

Tuttavia, l'applicazione di vaccinazione dell'infrastruttura eHealth nazionale ha già ricevuto un feedback negativo. Pertanto, il suo rilascio tardivo lascia poco o nessun tempo per testare e migliorare l'applicazione, se necessario. Inoltre, le autorità dell'UE hanno confermato che le persone vaccinate con i vaccini Sinopharm o Sputnik V non possono godere degli stessi privilegi di coloro che sono stati vaccinati con uno dei vaccini approvati dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA).

La Commissione Europea ha permesso agli Stati membri dell'UE di rilasciare certificati per le persone che sono state vaccinate con vaccini diversi da quelli approvati dall'EMA. Tuttavia, spetta a ciascuno Stato membro decidere se consentire alle persone vaccinate con un vaccino non approvato dall'EMA di entrare nel loro territorio.

Il passaporto digitale COVID dell'UE è stato istituito dall'Unione europea per consentire viaggi sicuri all'interno dell'Europa.

Secondo la Commissione Europea, i seguenti paesi sono collegati con successo al gateway EU DCC ed emettono o verificano certificati: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Germania, Grecia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Spagna e Islanda. Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia sono i primi ad iniziare a rilasciare certificati all'interno del blocco, mentre gli altri paesi hanno recentemente aderito.

Il passaporto digitale è un documento di una pagina che può essere rilasciato dai viaggiatori in formato fisico o digitale. In base allo stato dei viaggiatori, sono stati rilasciati tre passaporti separati, tra cui un passaporto per le vaccinazioni, un certificato di prova e un certificato di recupero. I vaccini approvati dall'EMA includono Comirnaty (BioNTech, Pfizer), Moderna, Vaxzevria (ex AstraZeneca, Oxford) e Janssen (Johnson & Johnson).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.