La Grecia si rifiuta di imporre restrizioni ai viaggi negli Stati Uniti

0 257

L'Autorità per l'aviazione civile greca (CAA) ha annunciato che l'attuale NOTAM che disciplina la voce aereo sul territorio greco è stato prorogato di un'altra settimana fino al 10 settembre. L'estensione del NOTAM, tuttavia, non ha escluso gli Stati Uniti dall'elenco dei paesi i cui residenti possono entrare in Grecia per scopi non essenziali, nonostante Raccomandazione dell'UE per vietare l'ingresso ai viaggiatori statunitensi, a causa dell'aumento del numero di casi.

Infatti, il nuovo NOTAM ha incluso un solo nuovo paese - Taipei - nell'elenco dei paesi i cui residenti possono entrare. Nessun paese è stato escluso. Pertanto, con l'estensione del NOTAM, i cittadini UE e Schengen, i coniugi e i conviventi e i figli minori rimangono idonei per l'ingresso in Grecia.

Idoneo all'ingresso - da paesi terzi - sono residenti permanenti solo dei seguenti paesi: Australia, Macedonia del Nord, Emirati Arabi Uniti, Stati Uniti d'America, Regno Unito, Israele, Canada, Bielorussia, Nuova Bielorussia, Bahrain, Bahrain meridionale, Qatar, Cina, Kuwait, Ucraina, Russia , Arabia Saudita, Serbia, Singapore, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro, Albania, Giappone, Libano, Azerbaigian, Armenia, Giordania, Moldavia, Kosovo e Taipei.

Tutti i passeggeri saranno testati rapidamente all'arrivo in Grecia.

Tutti i passeggeri che arrivano in Grecia devono compilare il modulo di localizzazione dei passeggeri prima del viaggio ed essere completamente vaccinati contro il COVID-19 o presentare un documento che attesti che sono stati infettati da COVID-19 negli ultimi sei mesi. Sono accettati anche i test negativi se effettuati nelle ultime 72 ore o un test rapido effettuato 48 ore prima dell'arrivo in Grecia.

La Grecia non è l'unico paese dell'UE che ha rifiutato di imporre un divieto d'ingresso ai viaggi negli Stati Uniti, come in precedenza La Croazia ha detto che non lo farà, nonostante la raccomandazione del Consiglio dell'UE. Inoltre, l'Islanda non ha imposto un divieto d'ingresso ai residenti negli Stati Uniti, rilevando che la raccomandazione del consiglio non è vincolante e spetta agli Stati membri decidere se applicarla o meno.

D'altra parte, tra i paesi che hanno già vietato i residenti negli Stati Uniti ci sono la Norvegia, l'Italia, Bulgaria, Paesi Bassi e Svezia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.