La Russia è in ritardo nel riconoscimento dei certificati COVID-19 emessi nell'Unione Europea

0 100

L'Unione europea accusa la Russia di ritardare deliberatamente il riconoscimento dei certificati digitali COVID-19 emessi nell'UE e gli europei non possono recarsi in quel paese, nonostante siano completamente vaccinati.

Secondo l'ambasciatore dell'UE in Russia Markus Ederer, tutte le informazioni e le richieste delle autorità sanitarie russe per riconoscere reciprocamente i certificati di coronavirus dell'UE sono state inviate al ministero della salute russo.

Tuttavia, le autorità russe non hanno preparato i documenti necessari da inviare alla Commissione europea a Bruxelles. Secondo Ederer, la Russia sta intenzionalmente ritardando i tempi per l'ispezione da parte dell'Agenzia europea per i medicinali.

"Me ne rammarico, perché il riconoscimento reciproco dell'equivalenza, anche da parte della Russia, renderebbe sicuramente la vita più facile alle persone che viaggiano in entrambe le direzioni". Ederer ha dichiarato al sito di notizie russo RBC in un'intervista pubblicata la scorsa settimana. Inoltre, Ederer ha osservato che questo ritardo rallenta il processo di facilitazione dei viaggi in Russia e che si tratta di un processo tecnico, non politico.

Queste dichiarazioni arrivano un giorno dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha rivelato che la questione per l'approvazione del vaccino Sputnik V è stata risolta. Inoltre, il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), che distribuisce lo Sputnik V in tutto il mondo, ha affermato che l'OMS invierà una delegazione in visita in Russia come parte della sua procedura di approvazione.

Gli Stati membri dell'UE hanno aderito al gateway digitale dell'UE COVID-19 all'inizio di giugno e da allora il documento unitario è stato rilasciato a tutti i cittadini dell'UE che sono stati completamente vaccinati con vaccini approvati dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA). ), come segue:

  • Pfizer / BioNTech (Comirnaty)
  • AstraZeneca UE (Vaxzevria)
  • Johnson & Johnson (Janssen)
  • Moderno (Spikevax)

Il documento viene rilasciato anche a coloro che sono guariti dal COVID-19, dando loro la possibilità di viaggiare all'estero almeno 30 giorni dopo la guarigione.

La Russia ha attualmente i tassi di mortalità più alti in Europa, con almeno 213.500 persone che muoiono di COVID-19. Allo stesso tempo, la Russia è al secondo posto per numero di casi COVID-19, con 7,7 milioni segnalati finora.

Due mesi fa, l'UE ha invitato Mosca a colloqui sul riconoscimento reciproco dei certificati di vaccinazione, nel tentativo di facilitare la circolazione delle persone che sono state completamente vaccinate contro il virus.

La Russia consente il viaggio ai cittadini di 73 paesi che sono stati immunizzati con Sputnik V, inclusi paesi come Albania, Argentina, Armenia, Bahrain, Bielorussia, Bangladesh, Brasile, Ungheria, India, Iran, Libano, Macedonia settentrionale, San Marino, Slovacchia, Cipro, Egitto, Messico, Grecia, Turchia ed Emirati Arabi Uniti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.