La Russia minaccia di ritirarsi dal Trattato sui cieli aperti.

0 241

In una riunione di Commissione consultiva cieli aperti il 22 febbraio 2021, Konstantin Gavrilov, capo della delegazione russa, ha annunciato che la procedura per il ritiro della Federazione Russa dal Trattato sui Cieli Aperti avverrà entro la fine dell'estate.

"Sono in corso le procedure interne per il ritiro della Russia dal Trattato Cieli Aperti, ci aspettiamo che vengano completate entro l'estate"Gavrilov ha detto in una dichiarazione. "Se gli Stati Uniti non ci informeranno per allora del loro desiderio di rientrare in questo trattato, la Russia invierà una nota a terzi, Ungheria e Canada, informandoli del ritiro della Russia dal Trattato sui cieli aperti".

Il 15 gennaio 2021, la Russia ha annunciato la sua intenzione di ritirarsi dal Trattato sui Cieli Aperti, che consente il monitoraggio aereo reciproco dei movimenti militari e dei sistemi strategici dei paesi firmatari. La decisione della Russia è arrivata a seguito di una decisione simile da parte dell'amministrazione Trump il 22 novembre 2020.

I fautori del trattato speravano in un cambio di posizione da parte degli Stati Uniti.

I sostenitori del trattato speravano in un cambio di posizione dal nuovo presidente, Joe Biden. Durante la sua campagna, Biden lo ha detto "Sia gli Stati Uniti che i loro alleati avrebbero l'opportunità di osservare le attività della Russia e di altri paesi europei".. Tuttavia, l'amministrazione Biden non ha ancora fatto alcun annuncio ufficiale.

"La Federazione Russa non aspetterà indefinitamente che gli Stati Uniti decidano se è pronta a tornare"., ha avvertito Gavrilov.

Inizialmente negoziato tra i membri della NATO e il Patto di Varsavia, il Trattato sui cieli aperti è stato firmato nel 1992 a Helsinki, in Finlandia. Tuttavia, la Russia è stata ratificata solo nove anni dopo, con la decisione che ha avuto effetto il 1 ° gennaio 2002.

Gli stati del trattato sono Bielorussia, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Canada, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Repubblica di Georgia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo , Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Russia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Turchia, Ucraina, Regno Unito e, per il momento, Stati Uniti.

Tutti i paesi sono membri dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

Anche il Kirghizistan è firmatario del trattato, ma non è stato ancora ratificato. Tutti i paesi sono membri dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Uno degli scopi di questi voli è osservare i movimenti militari e garantire l'attuazione di misure di limitazione delle armi.

Ogni Paese deve accettare una serie di voli d'osservazione, denominati "quota passiva" e può effettuare una serie di voli d'osservazione, denominati "quota attiva". Una notifica 72 ore prima del volo d'osservazione deve essere comunicata alle autorità del paese osservato e agli altri membri del Trattato. Dopo il volo, i dati raccolti sono disponibili per tutti i firmatari.

Il volo deve essere eseguito da a "Aerei non armati ad ala fissa dotati di sensori approvati". Questi sensori includono telecamere ottiche panoramiche e di inquadratura, videocamere con visualizzazione in tempo reale, tutte con risoluzioni limitate definite dal trattato. Ci sono disposizioni per l'uso di radar a diaframma sintetico con vista laterale e scanner a infrarossi, ma nessuno degli aerei appositamente attrezzati per il volo li ha.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.