La Slovenia vuole una nuova compagnia aerea nazionale. L'UE si oppone!

0 550

dopo fallimento di Adria Airways, registrata il 30 settembre 2019, la Slovenia è rimasta senza una compagnia aerea nazionale. Ma le autorità di Lubiana vogliono rivitalizzare il settore dell'aviazione e creare una nuova compagnia aerea.

Hanno sviluppato un piano basato su finanziamenti UE (sovvenzioni e fondi rimborsabili), a cui si aggiunge l'investimento del governo sloveno. Tuttavia, nella prima analisi, l'Unione Europea ha espresso parere negativo, rilevando che alcuni investimenti pianificati sono incompatibili con le linee guida dell'UE.

In termini di importi, il progetto prevedeva lo stanziamento di 76 milioni di euro dal bilancio statale, 1,6 miliardi di euro in sovvenzioni dell'UE e 3,6 miliardi di euro da fondi rimborsabili dell'UE.

Il ministro delle finanze sloveno Andrej Šircelj ha espresso speranza questa settimana. La Slovenia finalizzerà e presenterà il nuovo piano all'UE. Ha detto che lo stato lavora per risolvere qualsiasi problema.

Da parte sua, la Commissione europea ha rilevato che attende con interesse un ulteriore dialogo con le autorità slovene, al fine di stabilire nel miglior modo possibile l'utilizzo dei fondi per sostenere la ripresa economica, in linea con le priorità dell'Unione europea. Di conseguenza, è ancora incerto se un nuovo vettore nazionale riceverà l'approvazione di Bruxelles.

Secondo le stime di Oxford Economics, Adria Airways ha sostenuto direttamente e indirettamente oltre 25 posti di lavoro nell'ultimo anno. I fornitori di servizi di navigazione aerea avevano 000 dipendenti. Altre 2.000 persone erano presso fornitori di beni e servizi locali. Altri 1000 dipendenti sono stati sostenuti indirettamente dall'aumento dei consumi locali. E i turisti, in arrivo da Adria Airways, sostenevano ancora 1000mila posti di lavoro nei settori HoReCa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.