La Turchia lancerà una nuova compagnia aerea dedicata ai turisti russi

0 343

La guerra in Ucraina ha stravolto i piani di milioni di turisti. Le restrizioni imposte alla Russia a seguito dell'invasione dell'Ucraina hanno bloccato i turisti russi in varie parti del mondo. Allo stesso tempo, i cittadini russi hanno limitate opportunità di viaggiare nella stagione estiva 2022.



La Turchia sta subendo questi effetti e il turismo risente della mancanza di turisti dalla Russia. In questo contesto, la Turchia sta valutando la possibilità di lanciare una compagnia aerea per il trasporto di turisti dalla Russia verso destinazioni turistiche in Turchia.

La Turchia si aspettava circa 7 milioni di turisti dalla Russia

La Turchia è una delle mete preferite dai turisti russi. Nel 2022, l'Associazione delle agenzie di viaggio in Turchia (TURSAB) avrebbe dovuto raggiungere i 7 milioni di passeggeri in Russia, raggiungendo livelli pre-pandemia con la graduale revoca delle restrizioni internazionali. Allo stesso modo, in Turchia erano attesi circa 2 milioni di turisti dall'Ucraina. I visitatori provenienti da Ucraina e Russia rappresentavano più di un quarto di tutti i turisti arrivati ​​in Turchia nel 2021. 

Con lo scoppio della guerra in Ucraina, tuttavia, questa previsione ottimistica ha dovuto essere rivista. Le sanzioni internazionali imposte alla Russia hanno comportato la cancellazione di migliaia di prenotazioni. Il Ministero della Cultura e del Turismo turco, il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture e il Ministero delle Finanze stanno valutando diverse misure per far fronte alle sanzioni internazionali e al crollo del rublo che ha sconvolto i programmi di vacanza di molti turisti russi.

È stato raggiunto un accordo con Turkish Airlines e Pegasus Airlines per assegnare rispettivamente 1,5 milioni e 0,5 milioni di posti ai passeggeri russi. Inoltre, le autorità turche stanno valutando la creazione di una nuova compagnia aerea charter con sede ad Antalya, dedicata al turismo russo, che potrebbe aggiungere un altro milione di posti.

Per sostenere l'afflusso di passeggeri, ai tour operator turchi con sede in Russia, come Anex, Pegasus e Coral, verrebbero concessi prestiti garantiti dallo Stato per un valore di 300 milioni di dollari. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.