African Airlines Association: la misura dell'UE per bloccare i viaggi nei paesi africani è discriminatoria

0 234

L'African Airlines Association (AFRAA) considera discriminatorio il divieto di viaggio imposto dall'Unione Europea ai paesi africani a causa del nuovo ceppo COVID-19, affermando anche che una tale decisione peggiorerà l'industria aeronautica.

Secondo il segretario generale dell'AFRAA Abdérahmane Berthé, imporre restrizioni così rigorose come hanno fatto gli Stati membri dell'UE è stigmatizzare i paesi africani e non rispettare le restrizioni sulle aree nel resto del mondo.

"Perché colpisci l'Africa quando il virus viene segnalato in altre regioni? Qualsiasi tentativo di stigmatizzare l'Africa attraverso divieti di viaggio non funzionerà. Non dobbiamo confondere la politica con la scienza. La variante Omicron è ora rilevata in diverse regioni del mondo, ma i divieti di viaggio sembrano colpire l'Africa. Questo è un affronto agli sforzi globali per trovare una soluzione sostenibile"., ha affermato il capo dell'AFRAA.

Un approccio simile è stato condiviso all'inizio di questa settimana dalla IATA, che afferma che le restrizioni di viaggio non influiscono sui tassi di infezione da COVID-19 e ha esortato gli Stati membri dell'UE ad adottare ulteriori misure per ridurre al minimo il rischio di infezione.

Secondo il Centro africano per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), i divieti di viaggio per i viaggiatori a causa di nuovi virus non hanno prodotto risultati significativi. Invece, il CDC suggerisce che i governi diano priorità alle loro misure di salute pubblica e sociale.

Inoltre, le autorità sanitarie mondiali hanno criticato il divieto di viaggio imposto ai paesi africani. Il direttore esecutivo dell'Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, ha affermato che è importante concentrarsi sulla questione e non punire i paesi per aver svolto il proprio lavoro scientifico e per essere stati trasparenti nel segnalare nuovi sviluppi.

"Questi divieti di viaggio si basano sulla politica, non sulla scienza. È sbagliato… Perché chiudiamo l'Africa quando questo virus è già in tre continenti?”

Inoltre, Amesh Adalja, ricercatore senior presso il Johns Hopkins Center, ha affermato che i divieti di viaggio non funzionano e stigmatizzano solo un paese, che in questo caso è il Sudafrica. Di conseguenza, i paesi che hanno isolato e segnalato il virus saranno penalizzati per essere stati trasparenti. 

Adalja ha anche affermato che la lotta contro il COVID-19 è meno prevedibile ora, poiché sono disponibili test, vaccinazioni e altri strumenti e i divieti di viaggio non dovrebbero nemmeno essere discussi in questo momento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.