ANAT: Le attuali condizioni per l'ingresso in Romania pregiudicano gravemente la libera circolazione turistica dei cittadini rumeni e dei cittadini stranieri che vogliono visitare il nostro Paese

1 7.182

ANAT lancia l'allarme sulle condizioni di viaggio in Romania. Le condizioni per l'ingresso in Romania disciplinate dalla Decisione CNSU n. 111 del 6.12.2021 e poi ripreso con delibera n. 2 / 7.01.2022 colpisce gravemente la libera circolazione turistica dei cittadini rumeni e dei cittadini stranieri che vogliono visitare la Romania, sono profondamente discriminatori e in una nota discordante rispetto a quelli imposti da altri Stati membri dell'Unione Europea.

Da un punto di vista economico, hanno un forte impatto sull'attività del turismo rumeno e degli operatori di trasporto internazionali, portando una nuova ondata di cancellazioni di prenotazioni e una massiccia diminuzione delle richieste di nuove prenotazioni; l'esempio più eloquente sono le centinaia di voli di linea cancellati dalle compagnie aeree che operano voli da e per la Romania.

A questo proposito, l'Associazione Nazionale delle Agenzie di Viaggio (ANAT) e l'Associazione Incoming Romania (AIR) hanno inviato una lettera aperta al Prof. Univ. Dr. Alexandru Rafila, Ministro della Salute ea Constantin-Daniel Cădariu, Ministro dell'Imprenditoria e del Turismo.

"Da un punto di vista sociale, l'obbligo imposto ai turisti di fare il test prima del rientro nel Paese ha indotto il timore di rimanere a destinazione in una situazione di esito positivo (con la perdita del volo di ritorno, l'impegno di spese impreviste e quarantena in un Paese estero sconosciuto), che a volte possono essere anche falsi positivi (il margine di errore dei test PCR è di circa il 5%) ma le conseguenze devastanti per il viaggiatore e per l'agenzia preposta allo svolgimento del pacchetto di servizi restano e sono difficile da gestire.

L'impatto più spiacevole, però, sono gli obblighi imposti ai viaggiatori immunizzati (tramite vaccinazione o post-infezione): da un lato viene sabotata la campagna vaccinale, poiché è noto che il motivo principale che ha spinto la massa di indecisi a la vaccinazione era la libertà di movimento, d'altra parte, i viaggiatori possono scegliere tra tre opzioni, ciascuna con conseguenze sfortunate e imprevedibili: correre il rischio di un risultato PCR positivo o falso positivo prima di tornare in Romania, con le conseguenze sopra descritte; essere messo in quarantena anche se in buona salute (con conseguenze negative sia sulla persona, specie se occupata, sia sul datore di lavoro e sul bilancio previdenziale); dichiarare falsamente di provenire da un paese dell'UE invece di dichiarare l'origine effettiva del viaggio (molto possibile ma anche costoso da verificare, soprattutto nel caso di voli in coincidenza verso uno Stato membro dell'UE). Apprezziamo l'apertura dei rappresentanti del governo con cui abbiamo discusso finora e speriamo che questa situazione si risolva rapidamente", sottolinea Dumitru Luca, presidente dell'ANAT.

Le ultime statistiche hanno mostrato che nessun ceppo di COVID 19 è endemico in una particolare area geografica e, anche se tali situazioni si verificassero in futuro, sarebbe necessario limitare gli spostamenti solo in quella zona. Per questi motivi, ma anche sulla base dell'andamento della campagna vaccinale nei paesi terzi, il Consiglio d'Europa ha pubblicato una "lista bianca" di paesi terzi per i quali devono essere rimosse le restrizioni di viaggio; l'elenco viene aggiornato ogni due settimane e include paesi come Cina, Cile, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, Perù, Qatar, ecc.

Va inoltre tenuto presente che un certo numero di 33 Stati e territori al di fuori dell'Unione Europea hanno adottato il sistema dei certificati digitali (i cosiddetti "certificati verdi"), interconnesso le proprie banche dati con l'Unione Europea e si riconoscono reciprocamente. . Questi includono sia le destinazioni preferite dai turisti rumeni che i potenziali mercati turistici in entrata: Albania, Armenia, Capo Verde, Svizzera, Emirati Arabi Uniti, Georgia, Israele, Moldavia, Montenegro, Marocco, Norvegia, Serbia, Tunisia, Turchia, Ucraina, ecc. almeno per questo elenco, non vi è giustificazione per imporre condizioni aggiuntive oltre a quelle in caso di rientro da uno Stato dell'UE.

Il 25.01.2022 Il Consiglio d'Europa ha adottato una nuova raccomandazione su un approccio coordinato per facilitare la libera circolazione in sicurezza durante la pandemia di COVID-19. Tale raccomandazione entrerà in vigore il 1° febbraio 2022, lo stesso giorno dell'atto delegato che modifica il Regolamento sul certificato digitale sul COVID, che prevede un periodo di accettazione di 270 giorni per i certificati di vaccinazione.

Secondo la nuova raccomandazione, le misure relative al COVID-19 dovrebbero essere applicate tenendo conto dello stato della persona, e non della situazione a livello regionale, tranne che nelle aree in cui il virus sta circolando a livelli molto elevati. Ciò significa che il principale fattore determinante dovrebbe essere la situazione di un viaggiatore per quanto riguarda la vaccinazione contro il COVID-19, i test o la cura del COVID-19, come evidenziato da un certificato digitale dell'UE valido sul COVID-XNUMX. Un approccio basato sulla persona semplificherà sostanzialmente le regole applicabili e darà ai passeggeri maggiore chiarezza e prevedibilità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.