Novak Djokovic ha lasciato l'Australia a bordo di un Boeing 777-300ER degli Emirati

1 886

Il triste viaggio di 11 giorni di Novak Djokovic in Australia è finito. Il numero uno al mondo nel tennis è partito dall'aeroporto di Melbourne Tullamarine, destinazione Dubai, Emirati Arabi Uniti, a bordo di un Boeing 1 Emirates Airline (registrato A777-ECV).



Le autorità australiane hanno rifiutato la sua esenzione dal visto e lo hanno costretto a lasciare il Paese il prima possibile. Anche Novak Djokovic è stato condannato alle spese.

La drammatica storia del viaggio di Novak Djokovic in Australia è iniziata il 4 gennaio. Djokovic è entrato in Australia con una "esenzione medica" per prendere parte a un nuovo torneo di tennis dell'Australian Open. Tuttavia, le autorità gli hanno rifiutato il visto e così il giocatore è stato costretto a trascorrere tre giorni nella stanza di un immigrato in un hotel di Melbourne.

Ne sono seguite una serie di appelli e prove, con il serbo Novak Djokovic che sperava di rimanere, giocare e vincere il suo decimo titolo australiano. Ma il ministro dell'Immigrazione australiano Alex Hawke gli ha revocato il visto. Djokovic è stato descritto come un rischio per "società”. Le autorità australiane hanno temuto diffuse proteste contro i vaccini. Pertanto, la corte federale ha ammesso che il ministro australiano Alex Hawke ha agito in modo giustificato.

Subito dopo la sentenza, Novak Djokovic è stato costretto a lasciare l'Australia con la stessa compagnia con cui si era recato per entrare nel Paese. Molto probabilmente, il serbo continuerà il suo viaggio da Dubai alla sua nativa Serbia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.