Incidente aereo: sono stati trovati i resti di ATR 72-200 Iran Aseman Airlines

Incidente aereo: sono stati trovati i resti di ATR 72-200 Iran Aseman Airlines

Dopo 2 giorni dopo il tragico incidente aereo in Iran, che ha ucciso persone 66, sono stati trovati i resti di ATR 72-200 Iran Aseman Airlines.

0 369

Su 20 febbraio, a 2 giorni dal tragico incidente aereo in Iran, ha trovato i resti dell'aereo ATR 72-200 Iran Aseman Airlines.

Ti ricordiamo che l'aereo, che aveva a bordo le persone 65 (inizialmente 66 era stato annunciato dalle persone a bordo), è scomparso dal radar su 18 a febbraio, mentre operava il volo EP3704 sulla rotta Tehran Mehrabad - Yasuj. Sulla strada per la destinazione, l'aereo attraversò la regione montuosa di Dena e le avverse condizioni meteorologiche furono fatali.

I resti dell'aereo ATR 72-200 Iran Aseman Airlines

incidente-air-iran

Secondo le informazioni disponibili dai funzionari di Aseman Airlines, l'aereo si è scontrato con il Monte Dena a 14 miglia da Yasuj, vicino al villaggio di Bideh.

Monte-dena-iran

Sono in corso le operazioni di ricerca, ricerca e recupero degli organismi inanimati dei passeggeri. Secondo le informazioni pubblicate sulla stampa iraniana, finora 45 è stato recuperato dai corpi senza soffiare, e altri verranno portati in superficie sotto la neve.

image-incidente-iran

Circa 100 di alpinisti e soccorritori è tenuto a lavorare in alta quota, con abbondanti condizioni di vendita e neve, ma anche con basse temperature fino a -30 gradi. Il relitto dell'aereo, per la maggior parte, è sepolto sotto 2 metri di neve. Potrebbero essersi verificate valanghe a seguito dell'incidente aereo.

Le autorità hanno anche osservato che i piloti non hanno dichiarato una situazione di emergenza, né il trasmettitore di localizzazione di emergenza (ELT) ha trasmesso segnali dopo l'incidente. Tuttavia, sembra che ci sia stato un segnale emesso da un telefono cellulare, che ha portato i ricercatori nell'area dell'incidente.

Le speculazioni mettono l'incidente a causa di condizioni meteorologiche avverse, guasti tecnici e persino errori umani. Possibile anche una combinazione di fattori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.