fbpx L'incidente in elicottero che ha ucciso Kobe Bryant è stato causato dalle decisioni sbagliate del pilota.

L'incidente in elicottero che ha ucciso Kobe Bryant è stato causato dalle decisioni sbagliate del pilota.

0 266
Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<< per volo in ritardo o cancellato. Puoi avere diritto fino a € 600.

Secondo il rapporto finale del National Transportation Safety Board (NTSB) degli Stati Uniti, l'incidente in elicottero che ha ucciso il giocatore di basket Kobe Bryant, della figlia di 13 anni, Gianna, e di altre sei persone, il 26 gennaio 2020, è stato causato dalle decisioni sbagliate del pilota.

Poco dopo che il pilota annunciò che avrebbe scalato 1.200 metri per sollevare l'elicottero sopra la fitta nebbia, l'elicottero Sikorsky S-76B registrato N72EX entrò in una svolta a sinistra e si tuffò in una zona collinare vicino a Calabasas. Los Angeles (California).

Gli esperti sottolineano anche la scelta del pilota di non presentare un piano di volo di emergenza e di non atterrare all'aeroporto più vicino per aspettare che il tempo cambi. Questo potrebbe essere stato causato da "Pressione autoindotta dal pilota per soddisfare le esigenze di viaggio del cliente". Le indagini non hanno riscontrato alcun danno all'elicottero.

Nonostante la sua esperienza (oltre 8.500 ore di volo, di cui 1.250 con l'elicottero Sikorsky S-76), la decisione del pilota di continuare "Volare in condizioni meteorologiche sfavorevoli, che ha portato al suo disorientamento spaziale e alla perdita di controllo dell'elicottero, ha portato a questo incidente mortale. "

Vanessa Bryant, la vedova del giocatore, aveva sporto denuncia in seguito allo schianto contro Island Express, l'operatore dell'elicottero, per aver consentito il volo nonostante la nebbia. Tuttavia, l'NTSB ha concluso che, nonostante le condizioni meteorologiche sfavorevoli, la visibilità era abbastanza buona da consentire al pilota di volare, pur mantenendo il contatto con il suolo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.