Aeroporto Internazionale Ataturk riaperto / Molti voli annullati

Aeroporto Internazionale Ataturk riaperto / Molti voli annullati

0 381

A seguito del tentativo di colpo di stato in Turchia, Gli aeroporti di Atatürk e Sabiha Gokcen a Istanbul sono stati chiusi. Durante questo giorno, gli aeroporti sono stati riaperti, ma con oltre il 75% dei voli cancellati.

voli a Antalya
FOTO: Dragos Anastasiu / Aeroporto di Bucarest, Otopeni

Voli cancellati sulla tratta Bucarest - Istanbul

Anche i voli da / per la Romania sono stati cancellati. Secondo le informazioni visualizzate dagli aeroporti di Bucarest, i voli operati da TAROM (RO261 / RO262) sono stati cancellati.

La Turkish Airlines non opererà neanche voli TK1041 / TK1042; NON SAPERE / NON SAPERE; TK1043 / TK1044, che erano previsti per oggi.

Secondo le dichiarazioni rilasciate da Lazar Comanescu, ministro degli Affari esteri, all'aeroporto internazionale di Istanbul Ataturk vi sono circa 200 di rumeni. Sono responsabili della cellula di crisi dell'AMF all'aeroporto di Ataturk.

Secondo le agenzie di viaggio rumene, i voli charter da / per destinazioni turistiche turche (in particolare Antalya) non sono influenzati dall'instabilità in Turchia.

Rilascio TUI TravelCenter!

TUI TravelCenter, parte del gruppo Eurolines, istituito sabato 16 di luglio, ora 01: 00, una cellula di crisi con lo scopo di gestire la situazione relativa agli ultimi eventi in Turchia e come potrebbero essere colpiti i nostri turisti.

Dalle informazioni ricevute dai nostri partner e collaboratori, le aree turistiche estive - Antalya e Bodrum - sono tranquille e i voli per queste destinazioni avverranno secondo il programma annunciato.

Coloro che non vogliono viaggiare, possono annullare / posticipare senza costi aggiuntivi o modificare la destinazione a seconda delle offerte disponibili.

I turisti che stanno per partire per le destinazioni turistiche estive in Turchia nelle prossime ore possono contattarci per ulteriori dettagli su 021 316 08 90 / 0721 289 501 o [Email protected]

Rilascio di Christian Tour!

In relazione agli eventi in Turchia durante la sera di luglio 15, la nostra agenzia conferma che è in diretto contatto con il Ministero degli Affari Esteri (AMF) e ha formato una cellula di crisi all'interno dell'agenzia, alla quale partecipano tutti i capi dei dipartimenti operativi. del Christian Tour, per trovare la soluzione ottimale per i turisti in Turchia al momento, ma anche per coloro che dovevano viaggiare durante il giorno di 16 luglio 2016.

I nostri rappresentanti locali di Antalya e della costa egea (Bodrum, Kusadasi, Marmaris), dove effettuiamo voli charter durante la stagione estiva, confermano anche che i turisti Christian Tour in queste destinazioni non sono interessati da questi eventi in alcun modo. modo. Tutti i servizi turistici contratti tramite la nostra agenzia sono forniti in condizioni normali. Facciamo ogni sforzo per informare e garantire l'assistenza dei nostri turisti sul territorio della Turchia.

Inoltre, raccomandiamo ai nostri turisti in Turchia di mantenere la calma e rimanere in contatto con i rappresentanti di Christian Tour dalla destinazione e dalla Romania. A questo proposito, forniamo i numeri di telefono a cui rispondiamo ininterrottamente: + 4 021 270 00 99 o + 4 0720 800 212.

Rilascio di Kusadasi

A seguito degli eventi in Turchia nella notte di 15.07.16 a Istanbul e Ankara, vi informiamo che attualmente l'ordine è stato stabilito e la forza maggiore non è dichiarata, tutto è ancora sotto il controllo del governo.

Inoltre, la costa turca non è stata influenzata in alcun modo. Oggi 16.07.2016 ha condotto voli charter 4 per Antalya e Bodrum secondo il programma. Tutti gli aeroporti hanno ripreso la propria attività.

Di conseguenza, i voli charter operati dall'agenzia di viaggi KUSADASI insieme ad Air Bucharest saranno effettuati secondo il programma. Il volo 18.07.2016 lunedì si svolgerà in condizioni normali e partirà per Antalya con a bordo il sig. Yapici Hasan.

Inoltre, i nostri rappresentanti di Antalya, Bodrum, Kusadasi e Marmaris stanno assistendo tutti coloro che sono in vacanza. Citiamo che eventuali richieste di annullamento saranno gestite in base al contratto.

Comunicato stampa Ministero degli Affari Esteri

Alla luce degli eventi in corso nella Repubblica di Turchia, il Ministero degli Affari Esteri raccomanda ai turisti e agli altri cittadini rumeni nel territorio di questo stato di non lasciare le località di sistemazione, per evitare viaggi non strettamente necessari, soprattutto in luoghi affollati, ed essere costantemente informato sull'evoluzione della situazione interna.

Inoltre, secondo le informazioni disponibili, ci sono malfunzionamenti nella funzionalità degli elementi dell'infrastruttura relativi al traffico stradale, ferroviario o aereo, i cittadini rumeni che intendono viaggiare verso qualsiasi destinazione in Turchia, nei prossimi giorni, sono invitati a riprogrammare i loro rispettivi viaggi.

I cittadini rumeni possono chiamare l'ambasciata rumena ad Ankara e i consolati generali rumeni a Istanbul e Izmir tramite il Centro di contatto e supporto per i cittadini rumeni dall'estero, che opera in modo permanente, ai numeri + 90.312.44.77.920; + SUCCESSIVO 90 212; + SUCCESSIVO 3583541 90; + 212 3580516 90, + 212 3583537 90. Per la corretta concessione dell'assistenza consolare e la presa in carico operativa delle richieste dei cittadini rumeni, il Ministero degli Affari Esteri mette inoltre a disposizione dei cittadini interessati la linea TelVerde 232 4650579 0800 (accessibile solo dalla Romania, gratuitamente), nonché l'indirizzo e-mail: [Email protected]

Il Ministero degli Affari Esteri raccomanda ai cittadini rumeni che si recano nella Repubblica di Turchia di evitare qualsiasi viaggio nella parte sud-orientale del Paese e nell'area di confine con la Siria e l'Iraq, a causa degli elevati rischi generati da azioni terroristiche e dal verificarsi di situazioni imprevedibili, causate da attacchi terroristici e attacchi armati.

Il trasferimento nelle località vicine ai confini citati implica, di conseguenza, un grave rischio per la sicurezza.

I cittadini rumeni sono avvisati che esiste il rischio che determinate vie di comunicazione o valichi di frontiera possano essere temporaneamente chiusi e che le aree interessate siano soggette a restrizioni militari impreviste.

A causa dell'elevato rischio di attacchi terroristici in Turchia, le autorità mostrano la massima vigilanza, adottando ferme misure per controllare il confine sud-orientale, limitando i movimenti e individuando persone sospette.

Negli ultimi mesi ci sono stati ripetuti attacchi terroristici sul territorio turco, nonché incidenti armati vicino al confine turco con Siria e Iraq, nonché misure istituite dalle autorità turche, incluso lo spiegamento di personale militare.

Dati i recenti attacchi terroristici ad Ankara (04.03.2016), Istanbul (12.01.2016, 19.03.2016, 17.06.2016) e l'aeroporto internazionale Kemal Ataturk di 28.06.2016 a Istanbul, che hanno preso di mira cittadini turchi e stranieri in aree affollate o turista, il rischio di nuovi attacchi in tali aree, nelle grandi città della Turchia, persiste.

Cittadini rumeni in visita o in transito in queste città (in particolare, Ankara - Kizilay District Tunalı Boulevard; Istanbul - Taksim mercati e strade adiacenti, Istiklal Boulevard e Kadikoy district, Sultanahmet e Bazar area; Izmir) e altre aree turistiche intensamente frequentato in Turchia deve mostrare la massima cautela durante questo periodo, evitando luoghi affollati di spazi pubblici e di interesse turistico.

Si raccomanda vivamente ai cittadini rumeni che viaggiano a Istanbul di evitare un soggiorno prolungato nelle principali aree turistiche, vicino ai centri commerciali o alle stazioni di polizia e nel contesto dell'osservazione di persone o pacchetti sospetti, di lasciare l'area in cui si trovano.
Vista la possibile presenza di manifestazioni spontanee, si raccomanda ai cittadini rumeni di delimitare se stessi da qualsiasi protesta e di lasciare le rispettive aree.

Al confine turco-siriano, due punti di confine operano sotto un regime ristretto e selettivo, vale a dire Cilvegözü / Bab Al Hava a Hatay e Öncüpınar / Bab Al Selame a Kilis. Questi punti possono essere utilizzati per cittadini, aiuti umanitari e beni commerciali, ma l'attraversamento non è garantito, in quanto esiste una commissione speciale che esamina ogni richiesta di attraversamento della frontiera. Inoltre, il confine di Nusaybin / Kamışlı a Mardin è aperto solo agli aiuti umanitari delle Nazioni Unite.

Al confine turco-iracheno, il punto di confine Ibrahim Khalil (Habur) rimane chiuso per un periodo indefinito a seguito di operazioni militari / di sicurezza turche nell'area e non esistono percorsi alternativi.

Si raccomanda ai cittadini rumeni che sono in transito o che desiderano viaggiare nel territorio della Repubblica di Turchia, di evitare le aree centrali / affollate, gli incontri e i luoghi di marcia dei manifestanti / manifestanti (riunioni, manifestazioni, concerti, conferenze, ecc.), Nonché le aree adiacente alle stazioni di polizia e al quartier generale delle strutture di sicurezza delle città turche. Si raccomanda di evitare il viaggio verso le zone di conflitto, dal confine turco con la Siria, raggruppate specialmente nelle province e, se del caso, nelle località Diyarbakir, Sylvan, Şirnak, Nusaybin, Gaziantep, Van, Hakkari, Kilis, Şanlîurfa, Tunceli, Erzincan, Mardin , Yirtir, Hatay, Adana, Adyaman, Igdir, Mus, Agri, Batman, Kars, La maggior parte dei confini terrestri con la Siria sono chiusi.

In situazioni in cui vi sono vettori rumeni che corrono il rischio di attraversare il confine turco con la Siria o la regione autonoma del Kurdistan (RAK) in Iraq, si raccomanda di informare sul regime giuridico del soggiorno in Turchia e sulle norme doganali applicabili ai vettori stranieri - documenti valido dei veicoli, procure per l'uso dei veicoli esclusivamente da parte dei conducenti autorizzati, l'esistenza dell'assicurazione internazionale della licenza di trasporto e dei documenti commerciali e doganali, ecc.

I cittadini rumeni che intendono viaggiare in auto personale in Turchia, devono considerare quanto segue: al fine di stabilire l'itinerario, per essere informati sul territorio della Turchia sulle speciali misure di sicurezza adottate dalle autorità turche, come l'imposizione di un divieto di circolazione in alcune località. , durante la notte o in totale, e svolgendo controlli sui documenti e sui filtri sui percorsi di comunicazione;

tenere presente che le autorità turche seguono da vicino gli afflussi e le uscite di cittadini stranieri nella / dalla Turchia; la regola è che la persona che è entrata nel territorio della Turchia, con un'auto per la quale è in possesso di documenti di proprietà (certificato di registrazione) o procura il suo uso, la stessa persona deve lasciare la Turchia con l'auto. Non si accettano eccezioni nemmeno per il coniuge del cittadino rumeno o i suoi parenti stretti. Se, per vari motivi, un cittadino rumeno entra in Turchia in auto e sceglie di partire in aereo o altro veicolo, gli viene richiesto di informare le autorità e di seguire le procedure doganali relative alla situazione giuridica (import-export) dell'auto che sta guidando. partire in Turchia. La legge turca è molto restrittiva a questo proposito, sia per motivi di conformità con le procedure doganali sia, soprattutto, per la prevenzione di crimini o attacchi terroristici mediante l'uso di veicoli;

Nel caso in cui i cittadini rumeni debbano lasciare le proprie auto nel territorio della Turchia o parcheggiarle per periodi superiori a due o tre giorni, devono assicurarsi di essere parcheggiati in luoghi appositamente predisposti, custoditi e stipulare contratti / accordi con persone o società che forniscono tali servizi. Nei casi in cui le auto siano parcheggiate a caso, in luoghi pubblici, per diversi giorni, le autorità di sicurezza possono prendere misure per sollevarle o procedere al controllo da parte di unità antiterroristiche specializzate e persino distruggere l'auto, se vi sono sospetti può nascondere una carica esplosiva.

2. Contattare le autorità rumene

I cittadini rumeni in Turchia, specialmente nelle aree a rischio, sono invitati a segnalare la loro presenza nel territorio turco, contattando l'ambasciata rumena ad Ankara, il consolato generale di Romania a Istanbul o il consolato generale di Romania a Izmir, a seconda della regione in cui si trovano. Oltre a segnalare la presenza, è consigliabile inviare le proprie coordinate, nonché i loro parenti o altri contatti nel paese. Questa procedura è necessaria in caso di situazioni di emergenza, al fine di fornire assistenza consolare agli interessati.

Allo stesso tempo, ti suggeriamo che, durante il tuo soggiorno, se ti trovi in ​​una situazione straordinaria (incidente, ricovero, morte di un'altra persona, calamità, furto di identità, attacco terroristico) puoi contattare la Sezione Consolare di L'ambasciata rumena al telefono di emergenza n. + 90532 3181726 o, a seconda di dove ti trovi, il Consolato Generale di Romania a Istanbul, sul telefono di emergenza: + 90 533 5420695 o il Consolato Generale di Romania a Izmir, sul telefono di emergenza: + 90 530 4150077.

I cittadini rumeni che ignorano gli avvertimenti del Ministero degli Affari Esteri e si spostano nelle aree a rischio sono avvisati di farlo sotto la propria responsabilità e sopporteranno le conseguenze di possibili incidenti, date le limitate possibilità di intervento delle missioni diplomatiche e degli uffici consolari di carriera nelle emergenze. , di caso in caso.

Il Ministero degli Affari Esteri raccomanda ai cittadini rumeni di consultare il sito web www.mae.ro e ricorda che i cittadini rumeni che viaggiano all'estero hanno l'applicazione "Travel Safe" (disponibile gratuitamente in "App Store" e "Google Play"). , che offre informazioni, consigli di viaggio e la possibilità di essere avvisati, nel caso in cui si verifichino situazioni speciali, così come il servizio di avviso SMS, relativo alla campagna informativa "Un SMS può salvarti la vita!".

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.