L'Agenzia sanitaria dell'UE sottolinea che tutti i paesi dell'UE / l'area Schengen sono gravemente colpiti dal COVID-19. La Romania si colora di rosso!

0 288

L'ultimo aggiornamento sulla situazione epidemiologica pubblicato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) mostra che la situazione del COVID-19 nell'Unione Europea e nell'area Schengen è peggiorata negli ultimi sette giorni.



Le mappe recentemente aggiornate pubblicate a sostegno della raccomandazione del Consiglio suggeriscono che il numero di casi di COVID-19 è aumentato nella maggior parte dei paesi, soprattutto in Romania. La scorsa settimana, cinque regioni della Romania sono state colorate in arancione e altre due sono state colorate in verde. Tuttavia, poiché il Paese ha registrato un numero maggiore di nuovi casi con il nuovo coronavirus, ora l'intero territorio della Romania si colora di rosso.

I dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) mostrano che la Romania ha segnalato 40.546 nuovi casi negli ultimi sette giorni. Date queste tariffe, l'Agenzia sanitaria dell'UE suggerisce che tutti, in particolare le persone non vaccinate e non guarite, evitino di fare viaggi non essenziali, almeno per ora.

Con l'eccezione della Romania, l'ECDC ha rivelato che il numero di nuovi casi è aumentato anche in Svezia, Norvegia, Germania e Austria. La maggior parte delle regioni di questi paesi era sulla lista rossa la scorsa settimana. Tuttavia, poiché tutti i paesi di cui sopra hanno avuto un tasso di notifica cumulativo di 19 giorni COVID-14 di oltre 500 casi, tutti sono ora classificati come paesi rosso scuro.

Di tutti questi paesi, la Germania ha riportato i tassi di infezione più alti. Negli ultimi sette giorni, la Germania ha registrato 364.491 nuovi casi di infezione. Il Paese è seguito dalla Svezia con 129.356 nuovi casi, l'Austria con 67.906 nuovi casi e la Norvegia con 37.622 nuovi casi nello stesso periodo.

Tuttavia, i paesi europei sono più tranquilli quando si tratta di pazienti ospedalizzati, soprattutto in terapia intensiva. L'OMS mostra che Omicron non è un ceppo estremamente virale come le altre varianti, ma è altamente contagioso. Da quando la versione Omicron si è rivelata molto più semplice I paesi dell'UE considerano la possibilità di trattare il COVID-19 come un'influenza.

Nonostante il numero di nuovi casi di COVID-19 sia in aumento, sempre più paesi hanno deciso di ridurre le restrizioni. Allo stesso tempo, ci sono paesi che hanno deciso di abbreviare il periodo di quarantena e di allentare le condizioni di viaggio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.