Air Serbia integra i voli per la Russia. Air Serbia rimane una delle poche compagnie aeree in Europa a volare da/per la Russia!

0 608

Air Serbia ha visto un aumento significativo del numero di passeggeri da e verso la Russia, poiché continua ad essere una delle poche compagnie aeree europee che può ancora operare nel Paese durante la guerra in Ucraina. C'è un notevole aumento della domanda, soprattutto sui voli da Mosca.

In queste condizioni, Air Serbia ha aumentato il numero di voli settimanali, ed entro il 15 marzo tutti i voli sono pieni Pochi biglietti rimangono sui voli successivi, fino al 1 aprile.

Questo nonostante il vettore serbo stia quasi raddoppiando le sue operazioni verso la capitale russa a partire da domani, con quindici rotazioni settimanali previste. Air Serbia volerà anche con l'Airbus A330-200 ad alta capacità.

La stampa russa ha suggerito che il vettore serbo abbia già richiesto frequenze aggiuntive per il suo servizio Belgrado-Mosca all'Agenzia federale russa per il trasporto aereo (Rosaviatsiya). Inoltre, la stampa russa rileva che Air Serbia amplierà la sua flotta noleggiando aeromobili aggiuntivi dall'azionista di minoranza Etihad Airways per far fronte all'inaspettato aumento della domanda per la Russia con l'avvicinarsi della stagione estiva 2022 e il traffico aumenterà di una serie di altre rotte in la sua rete. 

Tuttavia, Air Serbia non ha commentato né confermato queste accuse. Rosaviatsiya ha chiesto ai russi che vogliono tornare nel Paese di farlo attraverso Belgrado. 

L'aumento della domanda di voli da e per la Russia ha anche un effetto di ricaduta su altre compagnie aeree europee e sulle loro operazioni verso la capitale serba, poiché trasporta cittadini russi da e verso Belgrado. 

Intanto, Aeroflot ha cancellato quasi tutti i voli internazionali dall'8 marzo, a causa di quelle che ha definito "circostanze aggiuntive" che ostacolano le sue operazioni. Le rotte nazionali e i voli per la Bielorussia continueranno ad operare, ha affermato la compagnia aerea. Si ritiene che la misura sia stata introdotta per impedire l'arresto di aerei Aeroflot negli aeroporti stranieri. Gli istituti di credito europei hanno tempo fino al 28 marzo per recuperare tutti gli aerei noleggiati a vettori russi, ma questo sarà difficile da ottenere.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.