Le multe per PLF verranno annullate e il denaro verrà rimborsato!

0 265

Le sanzioni pecuniarie applicate per il mancato rispetto dell'obbligo di compilazione del modulo digitale (PLF) per l'ingresso in Romania non saranno più applicate e quelle già pagate dovranno essere restituite ai sanzionati, su loro espressa richiesta. Le multe applicate per la mancata compilazione del modulo erano inizialmente comprese tra 2.000 e 3.000 lei. Quindi il governo ha ridotto la soglia minima della multa a 500 lei. Il provvedimento è stato adottato dai parlamentari.

Ricordiamo un po' com'era con il circo PLF Romania. Nel contesto dell'emergere e dell'espansione del nuovo ceppo Omicron di Covid-19, il Governo ha imposto, a partire dal 20 dicembre, l'uso del modulo di ingresso digitale in Romania per tutte le persone, sia stranieri che cittadini rumeni, che entrano nel Paese. via aerea, via mare o via terra.

Sebbene il progetto di ordinanza di emergenza sul modulo prevedesse una multa di 5.000 lei per coloro che non forniscono i dati richiesti, il governo ha deciso l'anno scorso che la multa sarà compresa tra 2.000 e 3.000 lei. Successivamente, il governo ha fissato il livello della multa tra 500-3.000 lei.

Il problema è stato quando le persone hanno iniziato a essere bombardate con multe per PLF, sebbene molte di loro abbiano rispettato l'obbligo delle autorità di compilare quel modulo. Le autorità hanno accettato l'idea che gran parte dei dati non pervenissero al DSP a causa di un errore tecnico o di un problema burocratico.

C'erano problemi tra i frontalieri, tra gli equipaggi di volo, tra i marinai e così via. Hanno dovuto compilare il modulo per ogni ritorno nel paese, cosa che non è avvenuta e ha comportato multe multiple di oltre 2000 lei.

Pertanto, il progetto prevede che le sanzioni pecuniarie applicate sulla base dell'ordinanza di attuazione del modulo di iscrizione digitale in Romania (PLF), non pagate fino alla data di entrata in vigore della nuova legge, non siano pagate. Contestualmente, le somme di denaro versate "vengono restituite, su richiesta, agli autori del reato, entro 60 giorni dalla data della richiesta", informa profitto.ro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.