American Airlines e US Airways si fonderanno e daranno vita alla più grande compagnia aerea

3 677

Qui, dopo molti mesi di trattative e voci, AMR Corporation (OTCQB: AAMRQ), la società madre di American Airlines, e US Airways Group (NYSE: LCC) hanno annunciato la fusione in una giornata piena di amore - il 14 febbraio. La capitalizzazione sarà di circa 11 miliardi di dollari e darà vita alla più grande compagnia aerea del mondo, la nuova American Airlines. L'annuncio della fusione è avvenuto poco dopo American Airlines ha annunciato il suo rebranding, che ha prefigurato l'unione delle due maggiori compagnie aeree statunitensi.



La nuova compagnia aerea sarà guidata da Doug Parker, l'attuale CEO di US Airways, e Tom Horton, l'attuale CEO di American Airlines, andrà in pensione nel 2014 e riceverà $ 19,875,000. La metà dell'importo sarà in contanti e l'altra in azioni del nuovo americano. Il consiglio avrà 12 membri (tre rappresentanti di American Airlines, tra cui Tom Horton, quattro rappresentanti di US Airways, tra cui Doug Parker, e cinque rappresentanti di AMR). Ce ne saranno 11 rimasti dopo il ritiro di Horton. I creditori di AMR detengono il 72% delle azioni della nuova società e quelli di US Airways il restante 28% delle azioni. La fusione non avverrà dall'oggi al domani e nel prossimo periodo sarà oggetto di analisi da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Il nuovo vettore avrà sede a Dallas-Fort Worth.

Flotta American Airlines - oltre 950 aeromobili

Se tutto andrà secondo i piani, che penso accadrà, la nuova American Airlines avrà una flotta di oltre 950 operativi. Ma il nuovo americano si concentrerà anche sull'ampliamento e l'ammodernamento della flotta. Entrambe le compagnie aeree hanno effettuato ordini per circa 600 di aeromobili nuovi e moderni, che saranno in servizio a partire dall'estate di 2013.

Nei prossimi anni 5, la flotta americana sarà una delle più moderne e più giovani. Questa fusione creerà una solida base finanziaria e consentirà al vettore aereo di continuare gli investimenti in tecnologia, servizi e prodotti. Le compagnie aeree regionali American Eagle, Piedmont Airlines e PSA Airlines continueranno a operare come entità separate senza essere interessate dalla fusione.

 Destinazioni: oltre 330 destinazioni in 56 paesi

A seguito della fusione, la nuova American Airlines opererà più di 6700 voli giornalieri verso 336 destinazioni in 56 paesi. Il mercato negli Stati Uniti sarà leggermente equilibrato. Il nuovo americano avrà la potenza e le infrastrutture per combattere Delta Air Lines e United per i clienti premium e persino recuperare quelli persi negli ultimi anni. Nel corso degli anni, anche US Airways ha venduto diversi slot a Delta all'aeroporto LaGuardia di New York. Uno studio Innovata mostra che American Airlines - US Airways ha il 31% delle partenze da LaGuardia e Delta Air Lines il 40%. United gode del 69% su Newark, ma LaGuardia è il preferito dai passeggeri premium. Su JFK, American Airlines - US Airways ha il 19%, Delta il 21%, abbastanza equilibrato.

La nuova American Airlines potrà impadronirsi della costa orientale degli Stati Uniti, e lo si evince dai dati che mostrano l'attività degli operatori americani nei grandi aeroporti. Ciò offre l'opportunità di operare voli di lungo raggio in maggiore collaborazione con British Airways. Allo stesso tempo, Delta sta costruendo una joint venture con Virgin Atlantic. Sarà interessante vedere come si evolveranno le cose sulla rotta New York - Londra.

statistici_innovata_aeroporturi

Negli Stati Uniti, le grandi compagnie aeree a servizio completo si affidano principalmente a clienti aziendali e la maggior parte si trova nella parte orientale del continente nordamericano. A seguito della fusione, il nuovo americano avrà una quota significativa del mercato orientale e ha un'alta probabilità di attrarre un numero significativo di uomini d'affari. Dal 2009 alla metà del 2012, American Airlines ha perso un bel po 'di questo mercato, mentre Delta è riuscita a posizionarsi in prima linea.

coporate (clicca sull'immagine)

Nel mercato statunitense, New American Airlines (American Airlines + US Airways) avrà una quota di mercato significativa negli Stati Uniti orientali e centrali e una posizione di leadership nell'ovest. Resta da vedere se tutto andrà secondo i piani e le organizzazioni autorizzate ad analizzare la fusione non si bloccheranno.

strength(clicca sull'immagine)

 

A 25 a gennaio 2013, un'analisi delle reti di grandi vettori 2 mostra che American Airlines opera 130 da destinazioni in cui US Airways non è presente e che gli Stati Uniti vola su 62 da destinazioni in cui American non è presente.

orase_american_us(clicca sull'immagine)

 

La fusione tra American Airlines e US Airways ridurrà il numero delle principali compagnie aeree statunitensi a quattro: le nuove American Airlines, United Airlines, Delta Airlines e Southwest. Il resto ha una percentuale inferiore al 5% del mercato, quindi non viene preso in considerazione.

procente_companii_aeriene_statele_unite(clicca sull'immagine)

 

Air Alliances - US Airways uscirà da Star Alliance

Dopo la fusione, la nuova American Airlines rimarrà nell'alleanza Oneworld, essendo un membro fondatore. In queste circostanze, l'operatore US Airways uscirà da Star Alliance, dove comunque non è stato preso in considerazione. Ciò porterebbe un importante equilibrio tra le alleanze negli Stati Uniti. SkyTeam con Delta Airlines avrà l'30% del mercato, Star Alliance con United avrà l'36% e Oneworld con American Airlines raggiungerà l'34% del mercato. Prima della fusione dei due operatori, Star ha una quota di 44% e non 45 come nel grafico.

alliance

Quindi, ci sono grandi possibilità di poter volare negli Stati Uniti a prezzi decenti e avremo l'opportunità di scegliere la nostra alleanza proprio da Bucarest. Czech Airlines, Aeroflot, Alitalia, Air France-KLM e TAROM sono in SkyTeam, British Airways e Air Berlin sono in Oneworld, e TAP Potugal, Turkish Airlines, Lufthansa e le sue controllate SWISS e Austrian Airlines sono in Star Alliance. Alta concorrenza significa più vantaggi per i passeggeri.

Tanto per il momento, cosa potrebbe significare la fusione tra American Airlines e US Airways. Si prevede che la fusione possa avvenire a pieno titolo solo nel trimestre 3 di quest'anno. Ma non dimentichiamo che American Airlines è soggetta alla legge fallimentare e ci sono molte più analisi e verifiche che lo Stato USA dovrà fare fino a quando non diventerà verde. Il punto è che quasi tutti i soggetti coinvolti in questo processo desiderano la fusione, a partire dai dipendenti e dai corrieri partner. Spetterebbe alle autorità statunitensi rifiutare questa richiesta.

Vi dico anche che, a partire da 2008, il mercato delle compagnie aeree statunitensi è stato caratterizzato da un fenomeno di consolidamento attraverso fusioni tra Delta Airlines e Northwest Airlines (2008), United Airlines e Continental Airlines (2010), nonché tra Southwest e Airtran ( 2011). Un fenomeno simile si è verificato in Europa, dove British Airways si è unita all'operatore spagnolo Iberia, Air France ha unito le forze con la società olandese KLM e il gruppo tedesco Lufthansa ha rilevato le società SWISS, Austrian Airlines e Brussels Airlines. Quali saranno le prossime fusioni?

Commenti 3
  1. Christian Vasile dice

    Per quanto sospetto, SAS scomparirà presto dalla mappa, o almeno verrà acquistato, perché è in grave bancarotta. E non so perché prevedo che Lufthansa o AirFrance-KLM acquisteranno la compagnia scandinava, piuttosto i tedeschi, e hanno già code-share con SAS e tutti i tipi di partnership.

    1. Sorin dice

      Sì, stavo pensando a SAS. Penso anche alle compagnie aeree ceche, Alitalia ... Il problema è che ci sono compagnie statali con grossi debiti e non ci sono molte offerte allettanti ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.