"Vorrei fare il pilota, ma so che devo avere voti alti"

0 748

Ho scoperto che novembre era 20 Il giorno del sabato, un evento internazionale che segna Giornata dei diritti dei bambini. Quest'anno l'evento è stato organizzato anche in Romania, a Bucarest e Craiova, dove diversi professionisti e autorità hanno deciso di insegnare la "staffetta" ad alcuni bambini per alcune ore.



Uno dei giovani che godeva dell'attenzione degli anziani era Marius. Ha 11 anni ed è uno studente di quinta elementare presso la scuola "Amza Pelea" di Băileşti, contea di Dolj. Non vi racconterò la storia della famiglia (ha 12 fratelli), ma prenderò da mediafax alcune informazioni su come è finito per essere un direttore del traffico aereo di terra all'aeroporto di Otopeni.

Sono rimasto colpito dalle dichiarazioni e dall'entusiasmo del giovane, anche se aveva solo 11.

Voglio andare in aereo ovunque, solo per vedere com'è. Vorrei diventare un pilota. So che devo avere voti alti per essere un pilota, 9 e 10. Ho molti voti a scuola e in alto, da cinque in su, ma una ragazza ha preso 3.

Nonostante abbia una divisa, Marius non è esente dai controlli di routine. Passa attraverso i filtri. Poi esce dall'aeroporto e sale in macchina che dice, grande, "Seguimi". È l'auto che accompagna gli aerei quando c'è nebbia o in situazioni particolari", spiega il mentore. "Le macchine inseguono le strisce bianche, qui, all'aeroporto. Hanno le loro strade speciali. Gli aerei seguono la striscia gialla. Ci sono 150 decolli e 150 atterraggi", spiega Octavian Berlean. "Ma non si picchiano?" Ci sono molti. Sulla nostra strada passano sempre meno persone”, Si chiese Marius.

Alle 11,20, in aeroporto, l'aereo Tarom proveniente da Sofia si prepara ad atterrare. Marius è in piedi di fronte al controllore del traffico, con le cuffie e la postazione accese, e scuote le pagaie. È tutto sotto controllo. Il pilota segue con attenzione i movimenti del bambino. L'auto "Follow Me" accompagna l'aereo a distanza. Un'altra svolta e l'aereo si ferma a pochi metri dal ragazzo. Mario è felice. "L'ho fermato, l'ho fermato! Ma non solo. È grande, ma è rimasto fermo quando gli ho fatto segno"., il ragazzo si diverte.

La visita termina, Marius riceve regali. Quando si lascia l'aeroporto, guardare indietro e ripetere: "Adesso amo di più gli aerei. Farò volare gli aerei. Oppure li accompagno al piano di sotto con pagaie e torce elettriche. Per favore ritorna "dice il bambino, felice.

Ti rendi conto che abbiamo ancora speranze per una Romania migliore? Questo giovane è eccitato e felice perché è riuscito a fermare un grosso aereo. Si è sentito "importante" per qualche ora e potrebbe diventare un pilota o un controllore del traffico. Ma va precisato che viene da una famiglia numerosa e sono convinto che sappia quanto sia difficile diventare "grandi"!

Gli auguriamo successo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.