L'Austria riapre le frontiere ai turisti. La regola 3G si applica quando si entra in Austria, ma la regola 2G si applica localmente!

1 2.855

Il lockdown in Austria termina il 12 dicembre. Il tasso di infezione è diminuito e l'Austria riaprirà gradualmente a livello regionale. Il viaggio in Austria per scopi turistici sarà di nuovo possibile per le persone vaccinate e guarite dalla malattia COVID-19.



A partire da oggi, 12 dicembre, la misura di lockdown sarà revocata nelle regioni del Tirolo, Vorarlberg, Burgenland. Dal 17 dicembre, le restrizioni al blocco saranno revocate nelle regioni di Salisburgo, Stiria, Carinzia, Bassa Austria e dal 20 dicembre il blocco sarà rimosso a Vienna. Ciò significa che unità ricettive, ristoranti, caffè e luoghi di intrattenimento potranno ricevere turisti secondo i dati sopra menzionati.

Le restrizioni dovrebbero essere revocate anche nell'Alta Austria il 17 dicembre, ma nulla è ancora certo al 100%.

A seguito della rimozione delle restrizioni di blocco, in Austria verrà applicata la regola 2G (vaccinata, guarita), nonché i requisiti per la maschera FFP2.

Per la sicurezza dei residenti e dei visitatori saranno osservate le seguenti misure restrittive:

  • Per alberghi, ristoranti, bar, discoteche, centri ricreativi, palestre, istituzioni culturali (cinema, teatri, ecc.), saranno necessari mercatini di Natale, impianti di risalita/funivie e servizi di cura (come il parrucchiere). prova di completa vaccinazione/guarigione. I bambini sotto i 12 anni sono esenti.
  • I test COVID (PCR e antigene) NON SONO VALIDI come "test di input".
  • Maschere FFP2 sono obbligatori in tutte le aree pubbliche e negli spazi chiusi. Nei ristoranti/caffè/osterie è obbligatorio indossare la mascherina FFP2 quando non si è seduti al tavolo. In tutti i tipi di alloggio, le mascherine FFP2 sono obbligatorie negli spazi pubblici chiusi.
  • I ristoranti/caffè/locande devono chiudere alle 23:00. Bar e locali per il momento restano chiusi.
  • Vaccinazione in 2 dosi è valido per 270 giorni dopo la seconda dose. Successivamente, è necessaria la dose di richiamo.

Attenzione: La vaccinazione a dose singola Johnson & Johnson è valida solo fino al 3 gennaio 2022. Dopo questa data, è richiesta la dose di richiamo per provare l'avvenuta vaccinazione.

Si prega di notare che durante il soggiorno in Austria si applicano regole più severe rispetto a quando si entra nel paese. In Austria si applica la regola 2G ("vaccinato, guarito"). È in vigore in molti settori. L'accesso ad alloggi, ristoranti/bar, funivie e istituzioni culturali, tra gli altri, è possibile solo con la prova della completa vaccinazione/precedente infezione.

Per entrare in Austria si applica la regola 3G (testato, vaccinato, guarito) e i viaggiatori devono presentare uno dei seguenti documenti:

  • test PCR - All'ingresso in Austria, è necessario presentare un test PCR non più vecchio di 72 ore, che deve essere rilasciato da un'autorità medica. Questo include i bambini a partire dai 12 anni. I test antigenici non sono più validi per l'ingresso in Austria. ATTENTO!!! Il test PCR non è accettato se si desidera accedere ad aree pubbliche: strutture ricettive, ristoranti, bar, discoteche, centri ricreativi, palestre, istituzioni culturali (cinema, teatri, ecc.), per l'utilizzo di funivie/impianti di risalita e per servizi legati all'igiene (come barbieri).
  • Certificato di vaccino - Il certificato di vaccino è valido per 270 giorni dalla seconda dose per i vaccini a due dosi. Se hai ricevuto una terza dose di vaccinazione/integratore/dose di richiamo, è valida per 270 giorni dopo la terza vaccinazione. Per i vaccini monodose vale dal 22° giorno per 270 giorni dalla data di vaccinazione. Devono trascorrere almeno 120 giorni tra il secondo e il terzo vaccino di richiamo e almeno 14 giorni tra la prima e la seconda dose.
  • Prova di infezione precedente - Puoi entrare in Austria sulla base del certificato ottenuto dopo l'infezione per 180 giorni dopo un'infezione da SARS-CoV-2. A titolo di prova sono considerati validi: un certificato di guarigione, una conferma medica (test PCR) o una notifica dell'obbligo di quarantena. La prova degli anticorpi neutralizzanti non è più valida per l'ingresso in Austria.

Al momento, la Romania è nell'elenco dei paesi sicuri, senza l'obbligo di quarantena.

La prova di un precedente test PCR, vaccinazione o infezione può essere fornita da un certificato medico, un risultato ufficiale del test, un certificato di vaccinazione digitale / tessera di vaccinazione / green pass (incluso un pdf da un vaccino con passaporto elettronico, per telefono o come una copia cartacea). I documenti devono essere in inglese o tedesco.

Se non sei in grado di presentare nessuno di questi documenti, sei tenuto a fare un test PCR entro 24 ore dall'ingresso in Austria. Si prega di notare che sarà necessario fornire una prova di vaccinazione completa/precedente infezione durante il soggiorno in hotel. Tuttavia, in questo caso, sarà devi registrarti digitalmente prima di viaggiare per ottenere un'autorizzazione pre-viaggio e devi presentare una prova alla frontiera (digitale o cartacea).

Il modulo può essere compilato per una singola persona, per un singolo ingresso e al più presto 72 ore prima dell'ingresso. Alla frontiera tutti i cittadini sono tenuti a presentare il PTC (in formato digitale o cartaceo). Ci sono anche eccezioni per vari motivi e situazioni impossibili da prevedere in precedenza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.