Austrian Airlines sta ristrutturando la sua flotta. Rinuncia a 7 x A319 e 3 x B767.

Austrian Airlines sta ristrutturando la sua flotta. Rinuncia a 7 x A319 e 3 x B767.

0 240

La pandemia di COVID-19 ha devastato l'industria aeronautica e il turismo. Le autorità di tutto il mondo hanno preso dure misure di allontanamento sociale, che ha fortemente influenzato i viaggi. E le organizzazioni aeronautiche e di viaggio mondiali sono molto pessimiste quando si tratta di periodo post-coronavirus.

La maggior parte delle compagnie aeree sta attraversando un periodo difficile, in cui la crisi economica si sta approfondendo. La IATA avverte che saranno interessati fino a 25 milioni di posti di lavoro da aviazione, turismo e settori correlati.

Austrian Airlines è una delle compagnie aeree gravemente colpite dalla crisi COVID-19. Ha sospeso tutti i voli dal 18 marzo 2020. Ci sono speranze che i voli possono essere ripresi dal 17 maggio, solo se i numeri della pandemia COVID-19 diminuiranno. Ma nulla sarà lo stesso di prima del nuovo coronavirus.

Entro il 2020, Austrian Airlines prevede una riduzione dal 25% al ​​50% della domanda di volo. L'intero settore dell'aviazione è pessimista. Il ritorno al "normale" sarà lento, che durerà 1-2-3 anni.

Austrian Airlines sta ristrutturando la sua flotta.

In tali circostanze, Austrian Airlines ha presentato un piano operativo, che sarà attuato dopo il COVID. Dimensionerà la flotta in base alla domanda del mercato. Oltre all'eliminazione graduale dei 18 aerei Dash turboelica, un processo iniziato nel 2019, Austrian Airlines ritirerà altri 7 A319 e 3 Boeing 767 (OE-LAT, OE-LAW e OE-LAX).

Austrian Airlines ha attualmente circa 80 aerei. Attuando il piano di ristrutturazione, la flotta raggiungerà 60 aeromobili, di cui 9 dedicati ai voli a lungo raggio. Austrian Airlines ridurrà la capacità di trasporto di circa il 20%. Nonostante il ridimensionamento della flotta, spera di riuscire a mantenere il maggior numero possibile di posti di lavoro.

"Allora ci è venuto semplicemente in mente. Ora è nostra responsabilità rendere Austrian Airlines adatta al futuro post-Corona. Vogliamo mantenere il nostro hub per i voli a lungo raggio, anche se non abbiamo ancora un'altra opzione. ma per adattarsi a un mercato leggermente più piccolo. Dobbiamo essere in grado di finanziarci, essere in grado di pagare tasse, stipendi e investimenti e, naturalmente, rimborsare eventuali prestiti durante la crisi ", sottolinea il CEO di Austrian Airlines Alexis von Hoensbroech.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.