Bucarest entra nello scenario rosso! Il certificato digitale (Green Pass) diventa obbligatorio!

0 964

A partire da oggi, 22 settembre 2021, Bucarest entra nello scenario rosso, con un tasso di infezione del 3.3 per mille abitanti. Così, il certificato digitale (green pass) COVID-19 UE diventa obbligatorio per l'accesso a eventi pubblici e privati, ristoranti, spettacoli, piscine, concerti, ecc. Lo ha annunciato il prefetto della Capitale, Antonela Ghiță.

Bucarest entra nello scenario rosso

Nelle province/località dove l'incidenza cumulativa a 14 giorni è superiore al 3 per mille abitanti e inferiore o uguale al 6 per mille, le nuove norme prevedono che le attività siano consentite solo con la partecipazione delle seguenti categorie di persone:

  • vaccinati contro il virus SARS-CoV-2 e per i quali sono trascorsi 10 giorni dal completamento del programma completo di immunizzazione;
  • che mostra il risultato negativo di un test RT-PCR per l'infezione da virus SARS-CoV-2 non più vecchio di 72 ore o il risultato negativo certificato di un test rapido dell'antigene per l'infezione da virus SARS-CoV-2 non più vecchio di 48 ore
  • che è nel periodo compreso tra il 15° e il 180° giorno dopo la conferma dell'infezione da virus SARS-CoV-2.

L'obbligo di presentare il risultato negativo di un test RT-PCR per l'infezione da virus SARS-CoV-2, non più vecchio di 72 ore, o il risultato negativo certificato di un test rapido dell'antigene per l'infezione da virus SARS-CoV-2, non più di 48 ore la vecchiaia non si applica nel caso di bambini di età pari o inferiore a 6 anni, prevede l'atto normativo.

Le regole sono le seguenti:

  • in spazi chiusi o aperti possono svolgersi gare sportive con la partecipazione di spettatori fino al 30% della capienza massima dello spazio, garantendo una distanza di almeno 1 metro tra le persone e indossando una mascherina protettiva;
  • l'organizzazione e lo sviluppo dell'attività all'interno di sale cinematografiche, enti di spettacolo e/o concerti sono consentiti con la partecipazione del pubblico fino al 50% della capienza massima dello spazio e con l'uso della mascherina protettiva;
  • organizzare eventi privati ​​(matrimoni, battesimi, ecc.) con un numero massimo di partecipanti di 200 persone all'interno e garantendo una superficie di almeno 2 mq per ogni persona;
  • è consentita l'organizzazione di corsi di formazione e laboratori per adulti, compresi quelli organizzati per la realizzazione di progetti finanziati da fondi europei, con un numero massimo di partecipanti di 150 persone all'interno e un massimo di 200 persone all'esterno, garantendo una superficie minima di 2 mq per ciascuno, munito di mascherina protettiva e nel rispetto delle norme di sanità pubblica stabilite con ordinanza del Ministro della salute;
  • è consentita l'organizzazione di convegni con un numero di partecipanti massimo 150 persone all'interno, con la garanzia di un'area di minimo 2 mq per ogni persona, con l'uso della mascherina protettiva e con il rispetto delle norme di sanità pubblica stabilite nell'ordinanza del Ministro della salute;
  • alle condizioni della legge n. 60/1991 sull'organizzazione e lo svolgimento di incontri pubblici, ripubblicato, è consentita l'organizzazione di raduni e manifestazioni con un numero massimo di 100 partecipanti
  • è consentita l'attività con il pubblico degli operatori economici che svolgono attività di preparazione, commercializzazione e consumo di alimenti e/o bevande alcoliche e analcoliche, come ristoranti e caffè, all'interno di edifici e su terrazze fino al 50% della capienza massima di spazio nell'intervallo di tempo 5,00 - 2,00;
  • l'attività in bar, club e discoteche è consentita senza superare il 30% della capienza massima dello spazio nell'intervallo di tempo 5,00 - 2,00;
  • l'attività con il pubblico degli operatori economici abilitati nel campo dei giochi d'azzardo è consentita fino al 50% della capienza massima dello spazio;
  • è consentita l'attività con il pubblico degli operatori economici che svolgono attività di amministrazione delle piscine coperte senza superare il 50% della capienza massima dello spazio;
  • è consentita l'attività degli operatori economici che gestiscono aree gioco per bambini in spazi chiusi senza superare il 50% della capienza massima dello spazio e nell'intervallo di tempo 5,00 - 24,00;
  • è consentita l'attività degli operatori economici che gestiscono le sale gioco senza superare il 50% della capienza massima dello spazio nell'intervallo di tempo 5,00 - 2,00;
  • le attività sportive e ricreative all'aperto sono consentite con la partecipazione di un massimo di 10 persone non conviventi, alle condizioni da stabilirsi con ordinanza congiunta del Ministro della Cultura e del Ministro della Gioventù e dello Sport.

In rosso anche le contee di Ilfov, Satul Mare e Timiș.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.