La Bulgaria allenterà le condizioni di ingresso per tutti i turisti!

1 408

La Bulgaria intende rimuovere il "certificato verde COVID-19" obbligatorio per l'ingresso in ristoranti, centri commerciali e altri luoghi pubblici a partire dal 20 marzo, poiché le infezioni da coronavirus sono ridotte, ha affermato lunedì il primo ministro Kiril Petkov.



Il pass sanitario - un certificato digitale o cartaceo che mostra che qualcuno è stato vaccinato, risultato negativo o guarito di recente dal virus - è diventato obbligatorio per la maggior parte degli spazi interni della Bulgaria nell'ottobre 2021.

La sua introduzione ha scatenato una serie di proteste in Bulgaria, facendo arrabbiare i proprietari di bar e ristoranti e gli attivisti anti-vaccino.

"Siamo riusciti a superare l'onda Omicron senza chiudere le nostre scuole o attività. Le nostre previsioni mostrano che intorno al 20 marzo sarà possibile rimuovere tutte le restrizioni nel Paese relative al Certificato Verde ", ha affermato Petkov.

Petkov ha affermato che il suo governo continuerà a sollecitare i bulgari a vaccinarsi e ha affermato che il certificato sarà ancora necessario per coloro che desiderano viaggiare in altri paesi dell'UE.

La Bulgaria sta iniziando ad allentare le misure COVID-19 dal 24 febbraio, con la rimozione del certificato verde per l'accesso a centri commerciali, cinema, palestre e bar.

Dal 5 marzo tutti i viaggiatori stranieri con certificato verde potranno entrare in Bulgaria, una misura che darà impulso al turismo. A partire dal 20 marzo, se tutto andrà secondo i piani, il permesso sanitario sarà utilizzato solo per facilitare i viaggi all'estero, ha affermato l'ispettore sanitario capo del Paese, Angel Kunchev.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.