Il viaggio in quarantena tra la Nuova Zelanda e l'Australia riprenderà il 19 aprile.

0 138

La Nuova Zelanda e l'Australia hanno annunciato che apriranno la tanto attesa "bolla di viaggio sicura per Covid" il 19 aprile, dopo che entrambi i paesi sono riusciti a eliminare la diffusione del coronavirus. L'inizio dei viaggi senza quarantena tra le nazioni confinanti sarà un sollievo per le famiglie che sono state separate dalla pandemia, così come per i tour operator.

Il primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern, ha affermato che i funzionari sanitari ritengono che il rischio di trasmettere il virus in Australia sia basso e che il viaggio sia ora sicuro. "Il contratto di viaggio fornirà un impulso per la ripresa economica ed è un accordo per l'apertura sicura dei viaggi internazionali, pur continuando una strategia per eliminare e mantenere il virus"., ha detto Ardern.

L'Australia ha precedentemente consentito ai neozelandesi di arrivare senza quarantena, ma la Nuova Zelanda ha adottato un approccio più cauto nei confronti di quelli in Australia, richiedendo ai viaggiatori di trascorrere due settimane in quarantena all'arrivo. I due paesi sono riusciti a eliminare il virus ponendo barriere al mondo esterno. Sia l'Australia che la Nuova Zelanda hanno imposto rigidi requisiti di quarantena per i viaggiatori.

La "bolla di viaggio" arriva con un avvertimento: Viaggiatori, state attenti!

L'annuncio arriva prima della stagione sciistica della Nuova Zelanda ed è stata una buona notizia per molte località turistiche, inclusa la stazione sciistica di Queenstown.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha detto ai giornalisti che è stato un primo passo importante per l'Australia poiché la nazione ha iniziato lentamente a tornare alla normalità. "Essere in grado di viaggiare di nuovo significherà nuovi posti di lavoro, significherà che le persone si uniranno, significherà molte opportunità in quanto vengono ripristinate le normali relazioni tra l'Australia e la Nuova Zelanda", ha detto.

"Le persone dovranno considerare la possibilità di annullare o abbreviare il viaggio in caso di epidemia", ha detto. Ciò significa che coloro che desiderano viaggiare potrebbero essere temporaneamente bloccati in uno qualsiasi dei paesi o essere costretti a entrare in quarantena.

Le compagnie aeree hanno reagito rapidamente annunciando un forte aumento del numero di voli e prezzi più bassi.

La Nuova Zelanda non intende aumentare il numero di viaggiatori internazionali, continuando il cauto approccio alla pandemia. Inoltre, l'Australia non ha intenzione di stipulare altri accordi di viaggio con paesi diversi dalle piccole nazioni del Pacifico delle Isole Cook e Niue, che hanno entrambi forti legami costituzionali con la Nuova Zelanda.

L'amministratore delegato di Air New Zealand Greg Foran ha iniziato a lavorare per la compagnia aerea lo scorso anno, proprio quando la pandemia ha colpito. Ha lavorato per cinque anni come CEO di Walmart. Ha detto che non vede l'ora di incontrare alcuni dei suoi nipoti. "Prenderò sicuramente il mio passaporto per la prima volta da quando sono entrato nella compagnia aerea per attraversare il confine per vedere la mia famiglia"., Egli ha detto.

Qantas Airlines, tramite il CEO Alan Joyce, è fermo in posizione: fatti vaccinare o stai a casa! Con l'inizio del processo di vaccinazione contro COVID-19, solo coloro che dimostreranno la vaccinazione potranno salire a bordo dei suoi aerei.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.