Il certificato digitale UE COVID-19 sarà obbligatorio per accedere agli spazi pubblici chiusi in Svizzera

1 266

Le autorità svizzere hanno deciso di rendere obbligatorio il certificato COVID-19 per tutte le persone di età superiore ai 16 anni che vogliono accedere agli spazi pubblici chiusi e per varie attività, poiché i casi di infezione nel Paese hanno iniziato ad aumentare vertiginosamente.



Tale decisione è stata presa in una riunione del 25 agosto. Tuttavia, non è stato ancora fatto alcun annuncio ufficiale su quando tale regola entrerà in vigore.

Secondo un comunicato stampa emesso dal Consiglio federale svizzero, è stato proposto di estendere l'obbligo del certificato a tutte le aree interne di bar, ristoranti e club. L'accesso a cinema, teatri, concerti, eventi sportivi e privati ​​sarà inoltre consentito solo ai possessori del certificato COVID-19.

"L'accesso a luoghi come musei, zoo, centri fitness, sale di arrampicata, piscine, parchi acquatici, spa, sale da biliardo e casinò sarà limitato ai titolari di certificati COVID". , ha aggiunto il Consiglio.

Ciò significa che tutte le persone che sono in grado di dimostrare di essere state completamente vaccinate, guarite dalla malattia o che hanno avuto recentemente un risultato negativo potranno accedere agli spazi chiusi e partecipare a diverse attività in Svizzera senza essere soggette a restrizioni.

Al contrario, è stato sottolineato che non saranno richiesti certificati quando si partecipa a spazi all'aperto e all'aperto. Inoltre, il requisito del certificato non si applica ai membri del personale che sono ancora soggetti ad altre regole. Tuttavia, se i membri del personale sono in possesso del certificato COVID-19, non saranno più tenuti a indossare una maschera/rispettare tale regola.

Pertanto, poiché occorrono dalle due alle tre settimane affinché le nuove misure imposte si dimostrino efficaci, le autorità svizzere hanno deciso di inasprire le misure prima che gli ospedali siano sovraccarichi di lavoro e aumenti il ​​numero di persone infette.

Attualmente, il 56% dell'intera popolazione svizzera ha ricevuto almeno una singola dose di vaccino, che è inferiore al tasso del 63% negli altri paesi dell'Unione europea e nell'area Schengen.

Ad eccezione dell'annuncio che il certificato sanitario sarà ora obbligatorio per consentire l'ingresso in più luoghi al chiuso, il Consiglio federale ha anche rivelato che i test COVID-19 non saranno più gratuiti.

Commento 1
  1. adriana.dulceanu dice

    Grazie per l'articolo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.