La Commissione europea chiede restrizioni sui viaggi non essenziali fino al 15 giugno.

La Commissione europea chiede restrizioni sui viaggi non essenziali fino al 15 giugno.

0 5.050

Commissione europea invitato Gli Stati membri Schengen e gli Stati associati Schengen estenderanno la restrizione temporanea ai viaggi non essenziali di altri 30 giorni fino al 15 giugno.

La Commissione europea rileva che la situazione era legata alla pandemia di Covid-19 rimane fragile, sia in Europa che nel mondo. Sebbene alcuni Stati membri dell'UE e alcuni Stati associati Schengen stiano adottando misure preliminari per allentare le restrizioni. Ecco perché la Commissione europea propone di mantenere le misure destinate alle frontiere esterne.

Le frontiere dei paesi dell'UE dovrebbero rimanere chiuse per altri 30 giorni

Anche la rimozione delle restrizioni di viaggio deve essere gradualmente eliminata. I controlli alle frontiere interne dovranno iniziare ad essere gradualmente eliminati in modo coordinato e, in una seconda fase, le restrizioni alle frontiere esterne saranno allentate.

La restrizione ai viaggi, così come l'invito ad estenderla, si applica alla "zona UE +", che comprende tutti gli Stati membri Schengen più Bulgaria, Croazia, Cipro e Romania e i 4 Stati associati Schengen (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera). - un totale di 30 paesi.

Quando sono state introdotte le restrizioni e come le cose si sono evolute tra marzo e maggio

Il 16 marzo 2020, La Commissione invita i capi di Stato o di governo a introdurre restrizioni temporanee ai viaggi non essenziali verso l'UE, per un periodo iniziale di 30 giorni. È stato dato che lo stato di emergenza è stato stabilito in Romania.

L'8 aprile, La Commissione ha richiesto la proroga della restrizione di viaggio fino al 15 maggio. Successivamente, tutti gli Stati membri dell'UE (tranne l'Irlanda) e i paesi extra UE che fanno parte dell'area Schengen hanno preso decisioni nazionali per attuare ed estendere questa restrizione di viaggio.

Al fine di sostenere gli Stati membri, la Commissione ha presentato il 30 marzo 2020, guida su come attuare la restrizione temporanea ai viaggi, sulla facilitazione dei rimpatri in tutto il mondo e sulla gestione della situazione delle persone che, a causa delle restrizioni ai viaggi, devono rimanere nell'UE più a lungo di quanto sia loro consentito.

I cittadini dell'UE, i cittadini di paesi terzi appartenenti all'area Schengen e i loro familiari, nonché i cittadini di paesi terzi residenti a lungo termine nell'UE sono esentati dall'applicazione della restrizione di viaggio ai fini del ritorno a casa.

In conclusione, non vediamo l'ora delle decisioni prese dai governi dei paesi europei, in particolare per vedere la decisione del governo a Bucarest. E a seconda delle nuove decisioni, siamo curiosi di sapere come avranno un impatto sui viaggi nel paese e all'estero. So che molti di voi vogliono volare, viaggiare. Hai un po 'più di pazienza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.