Coronavirus: Torino - Bucarest gara di charter il 21 marzo 2020

Coronavirus: Torino - Bucarest gara di charter il 21 marzo 2020

0 1.186

Ulteriori sforzi sono stati fatti per facilitare il ritorno dei cittadini rumeni temporaneamente all'estero che sono stati colpiti dalle misure prese dagli stati europei per gestire e prevenire l'epidemia di COVID-19.

Ministero degli Affari Esteri e Ministero dei Trasporti, Infrastrutture e Comunicazioni identificato diverse varianti del trasporto aereo che consentiranno il ritorno di cittadini rumeni, non residenti, che sono lavoratori stagionali, colpiti dalla drastica limitazione delle attività economiche in cui erano impegnati in Italia, nonché dei cittadini rumeni che si trovano in Italia in situazioni speciali, senza reali possibilità di continuare la loro presenza sul territorio italiano, che richiede il loro rimpatrio nel minor tempo possibile.

I dettagli relativi all'organizzazione di queste corse charter saranno comunicati a tempo debito ai cittadini rumeni che soddisfano i criteri sopra menzionati.

Una prima gara sarà organizzata da Torino il 21 marzo 2020.

Rinnovato il precedente appello riguardante l'evitamento di eventuali viaggi all'estero che non sono assolutamente indispensabili e la raccomandazione che i turisti o i cittadini rumeni temporaneamente all'estero per tornare nel paese con urgenza.

Allo stesso tempo, il Ministero degli Affari Esteri invita i cittadini rumeni a mostrare comprensione e responsabilità e valutare responsabilmente l'opportunità di viaggiare all'estero in questo momento. Tali viaggi possono comportare gravi rischi, mettendo a repentaglio la sicurezza dei cittadini e la loro possibilità di tornare nel paese.

Inoltre, si fa appello ai cittadini rumeni con il loro domicilio o residenza all'estero per rispettare rigorosamente le raccomandazioni delle autorità di questi stati e si sottolinea che i viaggi in Romania non sono raccomandati. Questi viaggi possono essere influenzati dalle restrizioni imposte dagli stati di transito e possono essere un ulteriore fattore nella diffusione dell'infezione da COVID-19, mettendo così in pericolo la sicurezza di quelli a casa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.