Coronavirus in Europa: gli stati cambiano le restrizioni a seconda della situazione epidemiologica

0 104

Le autorità in Scozia, Austria, Bulgaria e Grecia hanno annunciato nuove restrizioni a causa del crescente numero di infezioni nei loro territori. Saranno invece gradualmente eliminati i casi di coronavirus ancora attivi in ​​Irlanda e Svezia. In Portogallo la mascherina non sarà più indossata all'aperto da domenica.

Rimozione delle restrizioni in Svezia

Entro la fine di settembre cesseranno le restrizioni alle riunioni, le restrizioni agli esercizi di ristorazione e le raccomandazioni per lavorare da remoto in Svezia, nonostante il numero crescente di contagi. Le ragioni di questa decisione sono il gran numero di persone vaccinate e il basso onere per i servizi sanitari.

Le autorità svedesi hanno anche annunciato di lavorare per introdurre un certificato per le persone vaccinate, che sarà necessario per organizzare eventi per più di 15.000 persone.

Norme di sicurezza in Austria

Dal 15 settembre, l'Austria tornerà all'obbligo di utilizzare le mascherine FFP2, anche nei negozi di alimentari, nelle farmacie e nei trasporti pubblici. Le persone non vaccinate dovranno indossare mascherine FFP2 in tutti i negozi.

Se il reparto di terapia intensiva ha un tasso di occupazione superiore al 15%, verrà introdotta la regola 2G, il che significa che solo le persone vaccinate che si sono riprese dalla malattia potranno soggiornare nei ristoranti e partecipare a grandi eventi (oltre 500 le persone). Dopo aver raggiunto il livello del 20% dei siti di terapia intensiva, i test antigenici NON saranno più riconosciuti e verranno presi in considerazione solo i test PCR nei cinema o nei ristoranti.

Il certificato di vaccinazione è obbligatorio in Scozia

Per fermare l'epidemia di nuove infezioni, i certificati di vaccinazione saranno introdotti in Scozia entro la fine di settembre. Queste saranno una condizione per l'ingresso in discoteche e altri luoghi di intrattenimento per adulti, nonché per tutti gli eventi dal vivo al coperto, con una capacità fino a 500 spettatori, per tutti gli eventi dal vivo all'aperto senza posti dove il numero di spettatori supera i 4.000 e tutti gli eventi di qualsiasi livello.

Restrizioni revocabili in Irlanda

In Irlanda, invece, entro il 22 ottobre verranno rimosse quasi tutte le restrizioni. La condizione è che il numero dei contagi rimanga a un livello controllato e che la percentuale di persone vaccinate raggiunga il 90%. Secondo il programma presentato, dal 6 settembre riprenderanno gli eventi di massa con la partecipazione del pubblico.

Se tutti i partecipanti sono vaccinati o si sono ripresi dalla malattia, i locali potranno essere utilizzati con una capacità massima del 75% all'aperto e del 60% all'interno. Le restrizioni sugli eventi che coinvolgono persone non vaccinate rimarranno, così come le restrizioni su 100 persone ai matrimoni, ma saranno consentiti musica dal vivo e balli. A loro volta, i luoghi di culto possono essere utilizzati al 50% della capacità, indipendentemente dal fatto che le persone siano vaccinate o meno.

Restrizioni più drastiche in Bulgaria

Lo ha annunciato il Ministero della Salute bulgaro l'inasprimento delle restrizioni dovuto all'aumento del numero di contagi e decessi causati da COVID-19. Tra il 7 settembre e il 30 ottobre sarà ridotto il funzionamento delle unità gastronomiche, che saranno aperte dalle 7 alle 22. Ristoranti, palestre, cinema, teatri, musei, ecc. possono funzionare solo con una capacità del 50%.

Nei ristoranti la distanza tra i pasti deve essere di almeno 1.5 m I locali notturni e le discoteche saranno chiusi. Sono vietati i seminari scientifici e le escursioni di gruppo, compresi i centri di formazione e strutture simili per bambini. Ci sarà traffico a senso unico nei bazar e nei centri commerciali. Gli eventi sportivi si svolgeranno con una capienza non superiore al 30%.

Restrizioni per le persone che non sono state vaccinate in Grecia

Dal 13 settembre il governo greco imporrà nuove restrizioni sulle persone non vaccinato. Entro il 31 marzo del prossimo anno, tutti i dipendenti del settore pubblico e privato che non hanno un certificato di vaccinazione o di recupero rilasciato negli ultimi sei mesi dovranno sostenere un test SARS-CoV-2 settimanale.

Saranno necessari due test a settimana per il personale universitario, i settori del turismo, dell'alimentazione e dello spettacolo. Questo gruppo includerà anche scolari e studenti. I test devono essere eseguiti da enti privati, al costo di 10 euro ciascuno, a carico del soggetto del test. Gli studenti saranno esclusi da questa regola - nel loro caso, il costo sarà pagato dallo stato.

Il certificato di vaccinazione non è più richiesto nei ristoranti di alcune zone della Francia

In alcune parti della Francia, l'obbligo di mostrare i passaporti COVID-19 nei centri commerciali è stato abolito.
Nei giorni scorsi, i tribunali amministrativi di diversi dipartimenti francesi hanno sospeso l'obbligo di mostrare - nei centri commerciali - passaporti sanitari che confermino la vaccinazione contro il COVID-19, un test negativo per il coronavirus o l'ottenimento dell'immunità dopo la malattia: Hauts-de-Seine, Yvelines, Val -d'Oise e Essonne.

Principio 3G in Germania

In Germania esiste la cosiddetta regola 3G (Geimpfte, Genesene, Getestete). Ciò significa che chiunque in pubblico deve essere vaccinato, guarito da un'infezione da COVID-19 o avere un test negativo. Questo vale anche per le uscite a ristoranti, cinema, parrucchieri, palestre e piscine, visite a ospedali, centri di riabilitazione e case di cura.

Inoltre, coloro che soggiornano negli hotel devono fornire un risultato negativo del test, che deve essere ripetuto ogni tre giorni durante il soggiorno. Le autorità possono sospendere queste regole se l'incidenza di 7 giorni nello stato federale rimane inferiore a 35 nuove infezioni ogni 100.000 abitanti a settimana.

Questa settimana, i ministri federali della salute hanno concordato che in caso di infezione da coronavirus a scuola, solo le persone vicine ai contagiati saranno messe in quarantena per - almeno - cinque giorni. La quarantena non si applicherà alle persone vaccinate e a coloro che sono stati infettati negli ultimi sei mesi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.