Diario di viaggio: Auschwitz-Birkenau Konzentrationslager

0 216

Quando ho programmato questa vacanza, l'ho fatto con uno stato di incertezza dovuto alla situazione epidemiologica globale. Tuttavia, con il vaccino del vettore e il certificato digitale dell'UE COVID, speravamo di essere fortunati e di poter viaggiare senza grandi restrizioni, come è successo.

Siamo stati alloggiati in un AirBNB vicino al centro di Cracovia. Abbiamo lasciato la Romania con un'auto personale, quindi è stato abbastanza facile pianificare la visita ad Auschwitz. Siamo arrivati ​​facilmente, Auschwitz è a soli 60 chilometri da Cracovia.

Se sei arrivato a Cracovia in aereo e vuoi comunque visitare il campo, non c'è problema. A Cracovia troverai molti posti dove puoi acquistare biglietti o visite guidate al museo. Personalmente ti consiglio di acquistare i biglietti per il tour del museo direttamente dal sito ufficiale perché parte dei soldi dei biglietti va al restauro del museo che dal 1979 è Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.

Come acquistare i biglietti.

Puoi prenotare diversi tour a tuo piacimento. Ci sono tour di 3.5 ore, 6 ore o tour privati ​​di 8 ore con la tua guida. Se sei fortunato, per il tour privato, puoi anche avere una guida in rumeno. Il museo è attualmente aperto sette giorni su sette.

Per il tour di 3.5 ore, il prezzo del biglietto è di 90 lei/persona, e per il tour di 6 ore, i biglietti costano 135 lei/persona. Per il tour di 8 ore viene inviata una mail in anticipo (preferibilmente 2-3 settimane prima) per prenotare il giorno e la guida nella lingua desiderata, e solo dopo aver ricevuto la conferma si pagherà il biglietto. Il suo prezzo varia a seconda del numero di persone nel gruppo. Non c'è nemmeno la certezza che la domanda venga accolta, ma poi si può optare per le altre opzioni.

Siamo stati sfortunati e non abbiamo potuto prenotare un tour privato, quindi abbiamo optato per un tour di 3.5 ore. Quando eravamo lì, il museo era aperto solo 3 giorni a settimana - venerdì, sabato e domenica - quindi c'era un numero enorme di visitatori e al momento della prenotazione era l'unica opzione disponibile.

Prima impressione e prime sensazioni.

A 5 km da Oświęcim, una cittadina piccola e chic, si trova il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Il campo è diventato un museo commemorativo due anni dopo la fine della seconda guerra mondiale nel 1947. Le autorità polacche hanno deciso di farlo in onore degli oltre un milione di persone che hanno perso la vita lì - un ricordo dei crimini commessi dai nazisti.

Era un posto che volevo visitare, anche se non è una tipica meta di vacanza. È un museo che tutti dovrebbero visitare, almeno una volta nella vita. Forse così impareremo a non ripetere gli errori del passato.

Durante la visita ho sentito una pressione al petto, che è stata avvertita subito dopo aver lasciato Oświęcim e aver visto i binari del treno. Mi sono liberato della mia agitazione quando ho visto il video introduttivo, quando ho iniziato a piangere. Non è stata presentata alcuna informazione che non conoscessi, ma ha portato a galla le mie lacrime per le disgrazie avvenute lì. La pressione sul petto mi avrebbe trattenuto fino alla fine del tour e molte ore dopo...

Auschwitz I - il campo amministrativo

Siamo stati prelevati dalla nostra guida, Lukasz, e abbiamo iniziato il tour in inglese che sarebbe durato quasi quattro ore. Lukasz è una guida appassionata di storia, che ama ciò che fa, che ci mette l'anima e ti fa sentire. Il nostro gruppo era piccolo, 12 persone, e per questo abbiamo anche visitato luoghi dove i gruppi numerosi non avevano accesso.

La prima cosa che vedi all'inizio del tour è il cancello con il messaggio "Il lavoro rende liberi." ("Il lavoro ti renderà libero."). Il messaggio più noto è quello esposto all'ingresso del campo di Auschwitz, ma l'idea originale è stata ripresa da Rudolf Höss (Comandante del campo di Auschwitz-Birkenau dal 1939 e colui che ha posto la prima pietra del campo) di Sachsenhausen. Lo stesso messaggio può essere visto all'ingresso del campo di Dachau. Il cartello attualmente montato all'ingresso del campo di Auschwitz-Birkenau è solo una replica.

Il messaggio originale è stato rubato nel dicembre 2010, ma è stato recuperato tre giorni dopo. Fu tagliato in tre pezzi per essere venduto al mercato nero. Un cittadino svedese, sostenitore di un gruppo neonazista, si è reso colpevole di furto. È stato condannato a 3 anni di carcere. L'insegna originale è stata restaurata, ma è ora esposta nel museo.

vuoto

Un'esperienza emozionante e sconvolgente.

Ci incamminiamo tra i primi edifici del campo, dove si possono ancora vedere le tracce dei proiettili. Auschwitz-Birkenau - che ora è un museo commemorativo - era un luogo dell'orrore, dell'orrore, ma ho pensato che fosse superbo nella sua bruttezza. Non so se riuscirò a esprimere a parole quello che ho sentito durante le visite, ma ci proverò.

Tra 700 e 1000 persone potrebbero vivere in ogni blocco, in condizioni malsane e disumane. Tuttavia, furono fortunati rispetto a quelli portati ad Auschwitz II-Birkenau. I blocchi erano dotati di latrine, un posto per lavarsi e alcune stanze avevano persino dei pagliericci.

Non tutti gli edifici sono aperti al pubblico, solo alcuni sono paesaggistici. Il Block 5 è uno dei posti più scioccanti del campo. Non ci sono parole che possano descrivere quello che ho visto. Il Block 5 ha anche un'area in cui è vietata la fotografia, ma quando ci arriverai capirai perché.

vuoto
vuoto

Blocchi dell'orrore.

La visita è proseguita al Blocco 10, detto anche "Anticamera della Morte". Il Blocco 10 era il luogo dove il dottor Joseph Mengele conduceva i suoi esperimenti medici sulle donne, con varie malattie, zingari o adolescenti, ma i suoi preferiti erano gemelli. Gli esperimenti andavano dal testare le reazioni del corpo a varie sostanze per lo studio del corpo umano, alle operazioni sperimentali e alle amputazioni.

Subito accanto a noi c'è il Block 11, la sua prigione "Blocco della morte" e il luogo dove è stato testato - per la prima volta - Zyklon B. Il blocco è stato chiuso al pubblico per motivi epidemiologici, essendo uno spazio estremamente ridotto che non permetteva di mantenere le distanze.

Tra il blocco 10 e il blocco 11 è "Il muro dell'esecuzione" (muro di esecuzione), il luogo sacro del campo. È qui che i visitatori vengono a pregare o a deporre ghirlande. È un luogo di silenzio, di onorare la memoria delle 5000 persone che sono state giustiziate qui. È un luogo di preghiera e un luogo dove nessuno parla.

Le finestre tra i due blocchi sono coperte e lo sono sempre state. I tedeschi pensavano che nessuno potesse vedere cosa stava succedendo nel cortile e, nel caso fosse scappato (improbabile), non avrebbe potuto dire cosa stesse succedendo tra le due mura. Tuttavia, non puoi confondere il suono di uno sparo o i gemiti delle persone torturate...

Krankenbau (ospedale da campo) comprendeva i blocchi 19, 20, 21 e 28. Il reparto chirurgico era situato nel blocco 21 e parte del piano terra del blocco ospitava l'odontoiatria. I 4 isolati sono stati i più evitati dai detenuti perché sapevano che se fossero arrivati ​​qui, molto probabilmente sarebbero morti. Chi arrivava qui veniva ucciso o selezionato da Mengele per esperimenti e quindi preferiva morire di malattia, da solo, nella sofferenza.

vuoto
vuoto

Crematorio 1 - centinaia di migliaia di persone uccise da un pazzo.

Dietro il recinto, a meno di 50 metri dal Crematorio 1, c'è la casa dove abitava Rudolf Höss (il comandante del campo di Auschwitz-Birkenau e colui che ha costruito il campo), insieme alla moglie e ai 5 figli.

L'11 marzo 1946, Rudolf Höss fu arrestato dagli inglesi e due mesi dopo fu consegnato alle autorità polacche per il processo. In carcere, su consiglio del pubblico ministero, scrisse le sue memorie. Il suo processo iniziò l'11 marzo 1947 e durò 18 giorni. Il 2 aprile è stato condannato a morte per impiccagione.

La forca era montata soprattutto accanto al crematorio I del campo di Auschwitz-Birkanau, il crematorio dove furono bruciate la maggior parte delle vittime. Dopo essere stata condivisa e confessata da un sacerdote cattolico, la sentenza è stata eseguita il 16 aprile. Il corpo è stato cremato e le ceneri sono state disperse in modo che la sua anima non potesse trovare il riposo eterno... La sua unica richiesta era che l'anello nuziale arrivasse alla moglie con una lettera d'addio!

Il gancio montato appositamente per Rudolf Hoss
Crematorio 1 - l'unico rimasto in piedi

Nel momento in cui sono entrato nelle camere a gas e nel crematorio sono rimasto in silenzio. È stato un periodo difficile da descrivere. Le sensazioni che ho provato, l'odore che ancora sentivo, la sensazione di sopraffazione che provi... Non riesco nemmeno a immaginare cosa abbia passato il Sonderkommando ogni giorno mentre migliaia di corpi dovevano bruciare. Tirateli fuori dalla camera a gas e date loro fuoco nel crematorio accanto. L'odore…

Auschwitz II - Birkenau

La distanza tra Auschwitz I e Auschwitz II - Birkenau è di 3.5 kilometri. La distanza non è coperta a piedi. Ci sono autobus che passano su questa strada e partono dalle due località (Auschwitz I e Birkenau) ogni 10 minuti. Pertanto, non dovresti avere fretta. Puoi stare tranquillo e dare un'occhiata ai libri che trovi nel negozio del museo. I soldi che spendi per i libri vanno al restauro del museo.

La prima tappa è alla piattaforma di selezione, dove sono stati selezionati coloro che sono arrivati ​​​​qui in treno: a sinistra - alle sale del gas e del crematorio, a destra - all'ingresso del campo e del calvario.

Anche il vagone di Birkenau ha una storia emozionante. Il carro è uno originale che è stato rinnovato da Frank Lowy, uomo d'affari di origine ebraica, e donato al museo in memoria degli oltre 400.000 ebrei ungheresi che persero la vita nel campo nel 1944.

Il padre di Frank, Hugo Lowy, è stato deportato dall'Ungheria in un trasporto che ha raggiunto la piattaforma di scarico a Birkenau. Portava un pacco contenente oggetti rituali, tefilin e il suo talite. Quando si è rifiutato di lasciare il pacco in macchina, i soldati delle SS lo hanno picchiato fino alla morte.

Frank ha lasciato il suo pacco all'interno dell'auto, in memoria di suo padre.

vuoto
Piattaforma di selezione.
Entrando a Birkenau - se sei stato selezionato per il lavoro.

La strada per la morte.

Prima di iniziare la passeggiata attraverso Auschwitz II - Birkenau, abbiamo percorso la distanza dalla piattaforma di selezione ai crematori, la stessa strada che è stata fatta da centinaia di migliaia di persone prima di noi, un viaggio di soli 10 minuti.

Auschwitz-Birkenau fu liberata il 27 gennaio 1945 dalle truppe sovietiche. Il 26 gennaio i nazisti volevano distruggere tutte le prove degli orrori che avevano commesso nel campo e quindi bombardarono 4 dei 5 crematori. Decine di migliaia di documenti sono stati distrutti (bruciati), perché possiamo dire molto sui nazisti, ma non possiamo negare che erano i migliori per tenere un registro.

Dietro il crematorio numero 5 ci sono 4 lapidi commemorative che segnano il luogo in cui i nazisti gettarono (o tentarono di seppellire) le ceneri degli bruciati. È stata un'azione complicata a causa del terreno paludoso.

vuoto
Crematorio 5 - bombardato
Tombe commemorative - il luogo in cui le ceneri di coloro bruciati sono state cremate nei crematori

"Monumento internazionale alle vittime del fascismo" è stato dedicato a coloro che sono morti nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau tra il 1940 e il 1945. È stato inaugurato nel 1967 alla presenza di oltre 200.000 ospiti: sopravvissuti, loro discendenti, famiglie reali, politici o semplici visitatori.

Di fronte ci sono targhe con messaggi di pace. Le targhe sono tradotte in tutte le lingue parlate da coloro che furono imprigionati nel campo.

vuoto
Monumento Internazionale alle Vittime del Fascismo.
Il messaggio di pace della Romania.

Il museo restaura, i visitatori distruggono.

I dipendenti del museo della memoria cercano di mantenere intatti tutti gli edifici. Tuttavia, a causa del fatto che non c'erano edifici costruiti per resistere - a causa del terreno e del clima rigido - rendono questo molto difficile e molto costoso. Gravi danni sono causati anche dai visitatori che distruggono il patrimonio cercando di lasciare il segno.

Restaurare un singolo edificio a Birkenau può costare fino a 3 milioni di euro, a seconda di quanto è danneggiato l'edificio. Il denaro viene ottenuto da donazioni private, biglietti o tramite ONG che organizzano varie raccolte fondi.

Mentre Auschwitz I era considerato il campo principale dove si trovavano tutti gli edifici amministrativi, Birkenau fu fin dall'inizio un campo di sterminio. Lo dimostrano gli edifici frettolosamente e precariamente costruiti ei 4 crematori. Si voleva che, attraverso "Soluzione finale", per uccidere sistematicamente tutti gli ebrei in Europa.

vuoto
vuoto

Perché Auschwitz?

Quando il lavoro non ti rende libero...

Perché Auschwitz? Perché un campo costruito in una foresta in Polonia, in un luogo dimenticato dal mondo? Per molto tempo me lo sono chiesto anch'io. Come puoi vedere nella foto - Auschwitz era nel mezzo dei territori ed era il luogo ideale per costruire un campo "per lavoro".

Quando pensiamo ad Auschwitz, conosciamo solo Auschwitz I e Auschwitz II - Birkenau, ma il campo aveva anche Auschwitz III - Monowitz. Monowitz era un campo di lavoro costruito vicino all'impianto chimico IG Farben. Auschitz fece costruire anche altri 40 sottocampi in tutta la Polonia.

Oltre alla funzione di campo di lavoro e di sterminio, i detenuti erano utilizzati anche da grandi aziende. Hanno condotto esperimenti medici sui detenuti senza essere ritenuti responsabili in caso di effetti negativi. Tutte le aziende esistono ancora e hanno successo.

Se non mi credi, dimentica l'elenco delle aziende più famose che esistono oggi sul mercato.

#Noi ricordiamo

Anche se non è una destinazione perfetta per una vacanza ideale, devi visitare - almeno una volta nella vita - il campo di Auschwitz. È un'esperienza triste, dolorosa, scioccante, ma da cui possiamo imparare molto. Ho promesso che ci sarei tornato, almeno una volta di più, questa volta in inverno, per viverlo davvero.

Le temperature possono raggiungere fino a -25 gradi Celsius, ma i detenuti hanno lavorato a piedi nudi e indossavano solo pigiami...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.