Il DOD attiva la flotta aerea della riserva civile (CRAF) per il trasporto aereo di rifugiati in Afghanistan

0 333

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD) ha attivato domenica la flotta aerea della riserva civile (CRAF) per aiutare il trasporto aereo dall'Afghanistan. L'ordinanza attiva 18 aerei di sei compagnie aeree per trasportare cittadini e personale statunitense, richiedenti visti speciali per immigrati e altre persone "a rischio" dal Paese controllato dai talebani.

Il piano prevede che American Airlines, Atlas Air, Delta Air Lines e Omni Air forniscano tre aerei, United Airlines per inviarne quattro e Hawaiian Airlines due. Gli aerei non voleranno a Kabul, ma piuttosto da stazioni base nei paesi terzi vicini, consentendo agli aerei militari di concentrarsi sulle operazioni dentro e fuori la capitale afgana.

18 aerei civili sono operati da sei compagnie aeree

Sotto CRAF, i vettori commerciali mantengono la loro identità civile in conformità con i regolamenti FAA. L'ordine segna la terza attivazione del programma sin dal suo inizio in base a un accordo tra DOD e il Dipartimento del Commercio nel 1951.

La prima attivazione è avvenuta a sostegno dell'Operazione Desert Shield e Desert Storm durante la prima guerra in Iraq, dall'agosto 1990 al maggio 1991. La seconda attivazione è avvenuta durante l'Operazione Iraqi Freedom dal febbraio 2002 al giugno 2003.   

L'annuncio del Dipartimento della Difesa arriva tre giorni dopo che il governo russo si è offerto di inviare aerei civili direttamente da e per Kabul per supportare le operazioni di evacuazione.

I talebani hanno negato una serie di richieste di atterraggio all'aeroporto internazionale Hamid Karzai di Kabul a vari richiedenti, tra cui l'Ucraina, che ha inviato un aereo militare Ilyushin Il-76MD per evacuare militari e civili ucraini. 

I talebani hanno posizionato una serie di cannoni antiaerei e missili a fuoco rapido attorno alla recinzione dell'aeroporto per sostenere il divieto di volo. Le autorità talebane fanno eccezioni caso per caso e hanno esentato l'aeronautica americana fino al 30 agosto.

Le compagnie aeree di altri paesi hanno già iniziato a operare servizi charter da e per località al di fuori dell'Afghanistan, tra cui Lufthansa, che il 130 agosto ha trasportato circa 18 persone dalla capitale dell'Uzbekistan, Tashkent.

Gli alleati degli Stati Uniti e della NATO hanno effettivamente mantenuto il controllo del lato aereo dell'aeroporto mentre si sforzano di coordinare gli sforzi di evacuazione a un ritmo apparentemente imprevedibile dai piani di ritiro militare guidati dagli Stati Uniti. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.