L'effetto della pandemia sul turismo e come saranno i viaggi nel prossimo futuro (rapporto Vola.ro)

0 1.020

L'impatto del coronavirus sui viaggi e sul settore aereo ha generato ipotesi più cupe o meno positive da 6 mesi fa.



Gli specialisti di Vola.ro, la più grande agenzia di viaggi online in Romania, hanno fatto la prima analisi del viaggio aereo dopo questi 6 mesi di cambiamenti e incertezze.

La conclusione più importante conferma che i prezzi dei biglietti aerei sono diminuiti del 24% nell'ultimo semestre rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Era senza dubbio l'inizio dell'estate con meno voli, ma agosto e settembre si sono ripresi dalla perdita di marzo-luglio.

I romani ripresero gradualmente i viaggi aerei, si abituarono a indossare una maschera protettiva in aeroporto e durante il volo, e capirono che i rischi del viaggio aereo non sono maggiori dell'esposizione ad altre situazioni.

Come il coronavirus ha cambiato il turismo: meno viaggi e prezzi inferiori del 24%

Nell'estate del 2020, i rumeni hanno acquistato biglietti aerei circa il 24% in meno rispetto all'anno precedente. Secondo i dati forniti da Vola.ro, il prezzo medio di un biglietto aereo nell'estate del 2020 era di 154 euro, rispetto ai 199 euro del 2019.

I cali di prezzo maggiori sono stati per le destinazioni in Italia, dove le tariffe sono scese fino al 45% e il prezzo medio di un biglietto aereo era di 112 euro.

Il volume dei voli interni ha subito cali significativi nel contesto della pandemia

In assenza di festival, concerti ed eventi importanti, i biglietti emessi per i voli nazionali sono diminuiti del 50%.

I viaggi a scuola o al lavoro sono gli unici che non sono diminuiti in modo significativo

Se le vacanze erano sotto il segno delle prenotazioni last minute, i rumeni hanno continuato a viaggiare in aereo per lavorare all'estero o per studiare. Pertanto, le principali destinazioni a cui i rumeni hanno rivolto la loro attenzione sono quelle con grandi comunità di rumeni, come Gran Bretagna, Italia, Spagna, Germania e Francia.

Stime per il futuro: la domanda di biglietti aerei aumenterà gradualmente, raggiungendo un livello rispetto al 2019 solo nel 2022

Gli esperti prevedono che i prezzi dei biglietti aerei rimarranno bassi nella prima metà del 2021 per incoraggiare la ripresa dei viaggi aerei. Inoltre, secondo i dati di Vola.ro e le stime delle compagnie aeree, la domanda di biglietti aerei aumenterà gradualmente, raggiungendo un livello rispetto al 2019 solo nel 2022. La visita di parenti e amici sarà tra i motivi principali del viaggio Rumeni, mentre il segmento business avrà la ripresa più lenta di tutte.

Vola.ro fornisce assistenza ai clienti interessati da cancellazioni e modifiche dei voli

Secondo le statistiche di Vola.ro, rispetto a un mese normale, durante lo stato di emergenza, circa il 95% dei voli dei propri clienti è stato cancellato e le vendite dei biglietti sono scese a un minimo del -88% ad aprile.

Oltre 40.000 clienti di Vola.ro hanno risentito dei cambi di volo, i danni ammontano a circa 6 milioni di euro, ma il 71% di loro ha già ricevuto soluzioni di rimborso per un totale di oltre 4.2 milioni di euro. Vola.ro continua i suoi sforzi per rimborsare tutti i passeggeri interessati dalla cancellazione dei voli tra marzo e agosto 2020.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.