FlyBondi ha ricevuto l'approvazione del governo per 85 per rotte nazionali e internazionali

FlyBondi ha ricevuto l'approvazione del governo per 85 per rotte nazionali e internazionali

Ufficiale! FlyBondi, il primo vettore low cost argentino, ha ricevuto l'approvazione del governo per operare fino a 85 su rotte nazionali e internazionali.

0 879

A marzo te ne ho parlato FlyBondi, il primo vettore low cost in Argentina. La società è stata lanciata in 2016, ma le operazioni inizieranno quest'anno. Ha presentato la sua strategia operativa e la flotta scelta, ma ha atteso l'approvazione del governo di Buenos Aires per attuare il suo piano.

85 di rotte nazionali e internazionali

In questi giorni, il Ministero dei Trasporti dell'Argentina ha approvato l'avvio delle operazioni sulle rotte 85 (43 nazionale e 42 internazionale), concessione concessa negli anni 15.

Verrà utilizzata una flotta di aeromobili del tipo Boeing 737-800 Next Generation, che sarà in grado di trasportare fino a passeggeri 189 in un'unica classe. Secondo il piano, fino a 2021, la flotta potrebbe essere composta da aeromobili 30 e l'obiettivo sarà circa 8 milioni di passeggeri trasportati ogni anno.

Attualmente, il mercato a basso costo è inesistente in Argentina, con i principali vettori aerei Aerolineas Argentina e il vettore militare LADE. Mentre i paesi limitrofi hanno vettori LCC, come Sky Airlines in Cile e Azul Airlines / GOL in Brasile.

Vedendo l'opportunità nel mercato argentino, Norwegian ha mostrato interesse per l'apertura di una filiale in Sud America, denominata Norwegian Air Argentina, con voli nazionali per l'Argentina e voli internazionali per città come Londra, Oslo, Parigi e Barcellona. Su 22 giugno, Norwegian ha annunciato la tratta Londra - Buenos Aires, che debutterà su 14 febbraio 2018.

L'attuale amministrazione ha protetto la compagnia Aerolineas Argentina dalla concorrenza nel mercato interno, ma Mauricio Macri, candidato alla presidenza, sembra aperto per facilitare la concorrenza nel settore dell'aviazione.

Flybondi prevede di iniziare le operazioni nell'ultimo trimestre di 2017, sperando di volare in città argentine come Cordoba, Mendoza e Ushuaia, ma anche in paesi del Sud America, come Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Perù e Uruguay.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.