I passeggeri con il certificato digitale europeo COVID non passano più attraverso il controllo DSP dall'aeroporto Henri Coandă - Otopeni!

0 18.945

A partire da oggi, 13 luglio, tutti i passeggeri in arrivo all'aeroporto internazionale Henri Coandă dai paesi in lista gialla possono utilizzare il flusso verde, senza controllo DSP, se presentano un certificato digitale COVID europeo o un test PCR eseguito entro e non oltre 72 ore prima dell'imbarco.

Possono utilizzare il flusso verde anche i passeggeri in arrivo dai paesi in lista rossa, ma solo se presentano un certificato digitale europeo COVID. Si prega di notare che i certificati digitali emessi dal Regno Unito (o da altri paesi non UE) non sono validi per l'accesso alla Greenway.

Il certificato digitale europeo COVID facilita il passaggio attraverso l'aeroporto di Otopeni

Non fraintendermi. La vaccinazione nel Regno Unito è ok e il documento ottenuto è pertinente, ma non è valido per entrare nel corridoio verde in aeroporto. Per beneficiare di tale agevolazione, i passeggeri devono presentare tale documento al personale aeroportuale presso il punto di accesso della Greenway.

Per chiarire la situazione del certificato digitale europeo covid, ricordiamo che può essere ottenuto dopo la vaccinazione o dopo il test. In conclusione, quelli vaccinati o testati per la PCR possono passare più facilmente il controllo DSP o possono entrare nel flusso verde perché sono esenti dalla quarantena, soprattutto se viaggiano dalla zona gialla alla Romania.

Chiediamo ai passeggeri di aggiornare costantemente i propri dati di ingresso, che sono soggetti a frequenti modifiche.
Insistiamo inoltre affinché i passeggeri in arrivo dai paesi della lista rossa o gialla compilino il modulo richiesto in anticipo dalle autorità sanitarie rumene. Può essere scaricato dai siti web delle compagnie aeree o da www.mae.ro.

Dato che il traffico passeggeri nella stagione estiva è in aumento, e le regole imposte dalla pandemia prevedono controlli aggiuntivi, i tempi di attesa per le formalità (check-in, controllo di frontiera) ma anche per il ritiro dei bagagli potrebbero aumentare nelle ore di punta. Tuttavia, di solito non superano i tempi di attesa negli altri aeroporti europei. La presenza anticipata in aeroporto per il decollo dei passeggeri è comunque fortemente consigliata.

Te lo ricordiamo Wizz Air può rifiutarsi di imbarcare passeggeri che non soddisfa i requisiti del paese di destinazione! La stessa misura può essere presa da altre compagnie aeree! Viaggia informato!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.