Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<< per il volo
ritardato o annullato! Puoi ottenere fino a 600€!

Il livello di allerta è stato portato a 3 a Tenerife: il settore alberghiero al 33% della capacità!

0 13.084

AGGIORNAMENTO 26 giugno 2021: Secondo le misure adottate dalle autorità di Tenerife il 25 giugno, gli hotel potranno operare al 33% della capacità ricettiva totale e i ristoranti potranno operare al 50% della capacità solo all'esterno (i ristoranti saranno chiusi all'interno). Allo stesso tempo, i ristoranti chiuderanno alle 22:00. Tra le 22:00 e le 06:00 il traffico è limitato. Le nuove misure sono in vigore dal 26 giugno.

Storia iniziale: Il governo delle Isole Canarie ha deciso mercoledì, dopo aver analizzato l'evoluzione dei dati epidemiologici, su proposta della Direzione Generale della Salute Pubblica e del Ministero della Salute, di aumentare il livello di allerta a 3 sull'isola di Tenerife. La decisione è stata presa a causa del rapido aumento del numero di infezioni da SARS-CoV-2 negli ultimi sei giorni. Lo ha riferito il ministro della Salute, Blas Trujillo. Le restrizioni sono entrate in vigore il 24 giugno.

L'assessore ha indicato che Tenerife ha registrato, nelle ultime settimane, "Una trasmissione continua al rialzo e ha subito un cambiamento significativo rispetto alla situazione della scorsa settimana". A tal proposito, Blas Trujillo ha spiegato che l'isola di Tenerife ha un'incidenza cumulativa di 98.64 casi ogni 100.000 abitanti negli ultimi 7 giorni e 170.58 casi ogni 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni, il doppio rispetto alle Isole Canarie, che hanno un'incidenza a 7 giorni di 53.72 e 99.08 a 14 giorni.

A questo vanno aggiunti altri indicatori, come il fatto che la variante predominante nell'arcipelago, nel suo insieme, è quella britannica, che ha un livello di trasmissione più elevato. Inoltre, sebbene il focus più importante delle infezioni sia nelle persone di età superiore ai 45 anni, anche l'incidenza nelle persone di età superiore ai 65 anni è un indicatore preoccupante a Tenerife, attestandosi a 36.49, ben al di sopra della media regionale di 19.08.

Il livello di allerta è stato portato a 3 a Tenerife: il settore alberghiero sta chiudendo!

Allo stesso tempo, l'incidenza cumulativa a 7 e 14 giorni aumenta in quelli di età superiore ai 65 anni. Sebbene questo indicatore rappresenti un “rischio medio”, sia il Direttore Generale della Sanità Pubblica che il Ministro della Salute ritengono che si stiano prendendo provvedimenti. "In modo anticipato" con questa decisione di aggiornare lo stato dell'isola al livello 3.

Ha aggiunto che altri indicatori sono aumentati questa settimana, indicando che se non verranno intraprese ulteriori azioni, il numero di infezioni continuerà ad aumentare sull'isola di Tenerife. Uno di questi indicatori è la positività dei test diagnostici, passata dal 3.8% dei casi positivi al 7%.

Le restrizioni che interessano le residenze per anziani e i centri per disabili, in termini di chiusura e controllo delle visite, riguarderanno solo coloro che non hanno completato il programma di vaccinazione o le isole che, se necessario, entreranno nella Quarta. Allo stesso modo, le pubbliche amministrazioni devono intensificare le campagne di comunicazione per rafforzare il messaggio sull'importanza e la validità delle misure non farmacologiche in tutti i settori e aree di azione nelle amministrazioni pubbliche della Comunità autonoma, nonché nelle diverse amministrazioni locali.

Al livello 3, gli hotel e i ristoranti devono essere chiusi al chiuso, mentre all'aperto potranno funzionare solo con una capacità massima del 50%, con quattro persone per tavolo.

Inoltre, l'accordo prevede il rafforzamento delle attività di sorveglianza e controllo per l'attuazione di misure, anche di intelligence, da parte dei vari agenti dell'autorità e delle forze e degli organi di sicurezza. Al livello 3, gli hotel e i ristoranti devono essere chiusi al chiuso, mentre all'aperto potranno funzionare solo con una capacità massima del 50%, con quattro persone per tavolo.

In generale e per tutte le attività sarà data priorità alle attività outdoor rispetto a quelle indoor. Inoltre, durante lo svolgimento delle attività e tra utilizzi consecutivi, deve essere assicurata un'adeguata ventilazione degli ambienti interni. Nel caso di ventilazione naturale, la ventilazione incrociata degli ambienti sarà facilitata aprendo, se possibile, porte o finestre. Se si utilizza la ventilazione meccanica, è necessario aumentare la velocità di ventilazione, garantire l'alimentazione dell'aria esterna e non utilizzare esclusivamente la funzione di ricircolo dell'aria interna.

I consigli comunali possono consentire l'uso di mobili per bambini, auto sportive su strade pubbliche, skateboard e altri spazi pubblici esterni simili, a condizione che siano rispettate le misure preventive generali previste nel presente accordo e che siano prese misure estreme. e disinfezione.

Il Regno Unito ha inserito le Isole Baleari nella lista verde.

La decisione è arrivata dopo che il Regno Unito ha aggiornato l'elenco dei semafori il 24 giugno. Come novità principale, Il Regno Unito ha inserito le Isole Baleari, Madeira e Malta nella lista verde. Il Portogallo e le Azzorre, nonché la Spagna continentale e le Isole Canarie rimangono nella lista gialla.

Le nuove misure adottate entreranno in vigore il 30 giugno, alle ore 04:00. Ciò significa che tutti coloro che viaggiano da un paese o da una regione nella zona verde non saranno più in quarantena, ma dovranno essere testati per l'anti-COVID prima di entrare nel Regno Unito o entro due giorni dall'ingresso. I bambini sotto i 4 anni non devono essere testati.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.