L'Unione Europea vuole riaprire le frontiere per i turisti di paesi terzi come gli Stati Uniti e il Regno Unito

0 734

Dopo che il capo della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha avvertito che l'UE intende consentire ai viaggiatori americani completamente vaccinati di visitare l'Unione europea quest'estate, il blocco europeo ha continuato a svelare i suoi piani per aprire le frontiere dell'UE per i cittadini di paesi terzi vaccinati viaggi per motivi turistici.

Lunedì 3 maggio, la Commissione ha presentato una proposta agli Stati membri secondo cui questi ultimi dovrebbero iniziare gradualmente la riapertura delle frontiere per i cittadini di paesi terzi che sono stati vaccinati contro il Coronavirus con uno dei vaccini approvati dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA).).

La Commissione propone di consentire l'ingresso nell'UE per motivi non essenziali non solo a tutte le persone provenienti da paesi con una buona situazione epidemiologica, ma anche a tutte le persone che hanno ricevuto l'ultima dose raccomandata di vaccino autorizzato dall'UE. ", Ha detto la Commissione in un comunicato stampa sulla proposta.

La Commissione intende consentire ai viaggiatori vaccinati provenienti da paesi terzi, compresi gli Stati Uniti e il Regno Unito, di entrare nei paesi dell'UE sulla base del certificato di viaggio COVID-19 dell'UE, che dovrebbe essere rilasciato entro la fine di giugno.

Tuttavia, fino all'attuazione del certificato europeo, gli Stati membri dovrebbero essere in grado di accettare " certificati di paesi extra UE sulla base della legislazione nazionale, tenendo conto della capacità di verificare l'autenticità, la validità e l'integrità del certificato e se contiene tutte le informazioni pertinenti fornite ".

Allo stesso tempo, la Commissione europea ha anche proposto agli Stati membri di aumentare da 19 a 25 la soglia per il numero di nuovi casi COVID-100 utilizzati per decidere sulla libera circolazione del turismo di paesi terzi verso l'UE.

Pochi giorni dopo la presentazione della proposta, l'UE ha consigliato agli Stati membri di consentire ai viaggiatori israeliani di entrare nell'area Schengen e nel resto dei paesi dell'UE senza restrizioni per scopi non essenziali, incluso il turismo, dopo che lo stesso paese ha registrato un basso numero di COVID casi -19 nelle ultime settimane.

La diminuzione del numero di casi è dovuta principalmente all'intensa campagna di vaccinazione del governo israeliano, con quasi l'80% della popolazione israeliana vaccinata contro il Coronavirus.

La Commissione UE ha raccomandato la chiusura delle frontiere esterne dell'UE a metà marzo 2020, in mezzo allo scoppio del Coronavirus in Europa. Da allora, i confini dell'UE sono stati chiusi alla maggior parte dei cittadini del mondo.

Il 30 giugno 2020, il Consiglio dei ministri dell'UE ha pubblicato un elenco di 15 paesi terzi, raccomandando agli Stati membri di aprire le frontiere per i residenti di tali Stati. L '"elenco sicuro" è stato regolarmente rivisto e adeguato per gli ultimi sviluppi in un contesto pandemico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.