La Commissione europea scoraggia i divieti di viaggio generali e la chiusura delle frontiere nell'UE

0 1.624

Spaventati dai nuovi ceppi di coronavirus, le autorità di diversi paesi dell'UE hanno annunciato misure estreme nella speranza di limitarne la diffusione.

Lo ha annunciato Angela Merkel La Germania prevede di bloccare i voli internazionali e proibire viaggi non essenziali. La Svezia vieta l'accesso a coloro che vogliono viaggiare dalla Norvegia, dalla Gran Bretagna o dalla Danimarca.

In questo contesto, la Commissione europea sta scoraggiando i divieti di viaggio generali e la chiusura delle frontiere nell'UE. L'esecutivo europeo afferma che "è necessario scoraggiare fortemente i viaggi non essenziali ma anche evitare la chiusura delle frontiere o divieti generali di viaggio e garantire il funzionamento ininterrotto del mercato unico e delle catene di approvvigionamento", secondo un comunicato diffuso da Digi24.

La Commissione europea scoraggia i viaggi non essenziali

Date le nuove varianti del coronavirus e l'elevato numero di nuove infezioni in molti Stati membri, i viaggi non essenziali devono essere fortemente scoraggiati. Ma per evitare la chiusura delle frontiere o divieti di viaggio generali e per garantire il funzionamento ininterrotto del mercato unico e delle catene di approvvigionamento. 

Pertanto, sono necessarie ulteriori azioni specifiche per garantire un approccio coordinato alle misure per limitare la libera circolazione all'interno dell'UE ", si legge nella dichiarazione.

La Commissione propone un ulteriore coordinamento in due settori in cui gli Stati membri hanno già deciso di collaborare:

  • un aggiornamento del codice colore concordato per la marcatura delle aree a rischio;
  • misure più rigorose applicate ai viaggiatori provenienti da zone a maggior rischio.

Un aggiornamento del codice colore comune

Oltre ai colori esistenti - verde, arancione, rosso e grigio - la Commissione propone di aggiungere il colore "rosso scuro" per indicare le aree in cui il virus circola a un livello molto elevato. Questo colore si applicherebbe a un'area in cui il tasso di notifica di 14 giorni è superiore a 500 per 100 abitanti.

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) continuerà a pubblicare versioni aggiornate della mappa sulla base dei dati forniti dagli Stati membri.

Misure più rigorose applicate ai viaggiatori provenienti da zone a maggior rischio

Conformemente alla comunicazione della Commissione del 19 gennaio, che definisce le azioni necessarie per evitare una terza ondata, la Commissione europea propone che tutti i viaggi non essenziali siano fortemente scoraggiati fino a quando la situazione epidemiologica non migliorerà notevolmente.

Ciò vale in particolare per i viaggi da e verso le aree "rosso scuro". In tal modo, gli Stati membri dovrebbero garantire la coerenza con le misure che applicano per i viaggi all'interno del loro territorio.

Gli Stati membri dovrebbero richiedere ai viaggiatori provenienti da un'area "rosso scuro":

  • fare un test prima dell'arrivo;
  • essere soggetto alla quarantena raccomandata dal Comitato per la sicurezza sanitaria e attualmente praticata da diversi Stati membri.

Va notato che, a seguito di una riunione, gli Stati membri hanno approvato all'unanimità, in procedura scritta, una raccomandazione del Consiglio che istituisce un quadro comune per l'uso del test rapido dell'antigene e il riconoscimento reciproco dei risultati del test COVID-19 in pieno. dell'UE.

Il mantenimento dei viaggi essenziali e della catena di approvvigionamento è incoraggiato

Gli Stati membri dovrebbero anche cercare di evitare di interrompere i viaggi essenziali, in particolare mantenendo i flussi di trasporto in conformità con il sistema dei "corridoi verdi" ed evitando interruzioni della catena di approvvigionamento.

Dato l'aumento del rischio, anche i viaggiatori essenziali - come il personale medico o le persone che viaggiano per motivi familiari o di lavoro imperativi - che tornano da aree "rosso scuro" dovrebbero essere testati e messi in quarantena, a condizione che ciò non abbia un impatto sproporzionato sulle prestazioni del loro funzione o esigenze essenziali.

Oltre agli aggiornamenti proposti oggi dalla Commissione sui viaggi intra-UE, la Commissione ha anche adottato una proposta per aggiornare la Raccomandazione del Consiglio sui viaggi nell'UE da paesi extra UE ", ma questa è un'altra storia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.