La maschera non è più obbligatoria in Israele, negli spazi aperti. La maschera rimane obbligatoria al chiuso.

0 227

Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<< per il volo
ritardato o annullato! Puoi ottenere fino a 600€!

Un anno dopo che è stato imposto l'uso obbligatorio delle maschere, gli israeliani hanno iniziato a togliersi le maschere all'aperto. Con più della metà della popolazione completamente vaccinata, le autorità israeliane hanno revocato l'obbligo di indossare una maschera negli spazi aperti a partire da domenica 18 aprile. La maschera deve essere indossata al chiuso.

Israele dà l'impressione che stia tornando alla normale vita pre-pandemica, almeno se guardiamo oltre i confini. L'eliminazione delle maschere negli spazi aperti coincide con l'eliminazione dell'ultimo vincolo del sistema educativo: il ritorno in aula di tutti gli alunni della scuola primaria.

La maschera rimane obbligatoria all'interno

La sfida che ora devono affrontare le autorità israeliane è garantire che i cittadini continuino a rispettare le regole della distanza fisica e della protezione al chiuso. "Abbiamo tutti bisogno di portare una maschera in tasca da usare quando necessarioHa avvertito il coordinatore nazionale della pandemia, il dottor Nachman Ash.

Il certificato di vaccinazione è il principale strumento a disposizione dei responsabili della sanità pubblica. Sulla base di ciò, gli immunizzati possono avere accesso agli hotel e all'interno di bar, ristoranti e discoteche. Allo stesso tempo, sulla base del certificato di vaccinazione, l'immunizzato può viaggiare senza dover rimanere in isolamento in Grecia o Cipro, i primi Stati a firmare accordi turistici bilaterali, a condizione che i turisti presentino un test PCR negativo a destinazione.

Israele ha ottenuto l'immunità di gregge

Attualmente, secondo i dati riportati dalle autorità, il 54% della popolazione israeliana (circa 9.3 milioni di persone) ha ricevuto entrambe le dosi del vaccino Pfizer - BioNtech, l'unico somministrato in questo Paese. Allo stesso tempo, il 10% della popolazione è immunizzato naturalmente guarendo dall'infezione da COVID-19. In conclusione, ad eccezione di tutti i bambini sotto i 16 anni che non possono essere vaccinati, Israele è riuscita a immunizzare l'85% dei cittadini e dei residenti che possono ricevere il vaccino.

Gli esperti iniziano a chiedersi se la cosiddetta immunità di gregge sia già stata raggiunta nello stato ebraico, ma si interrogano anche sulla validità dell'efficacia del vaccino. Pfizer garantisce un'efficienza del 91% nei primi sei mesi. Il continuo calo del tasso di infezione, nonostante la revoca delle restrizioni, in tutte le fasce d'età, compresi i minori non vaccinati, e la riapertura dell'economia suggeriscono che Israele si sta adattando alla nuova normalità, molto simile alla pre-pandemia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.