Le autorità francesi stanno preparando un disegno di legge per estendere l'uso della tessera sanitaria

0 191

Il primo ministro francese Jean Castex ha annunciato che le autorità del Paese stanno preparando un disegno di legge per estendere la tessera sanitaria. Secondo il quotidiano francese Le Parisien, il nuovo disegno di legge per estendere tale obbligo sarà presentato al Consiglio dei ministri il prossimo 13 ottobre.

Commentando la decisione, Castex ha affermato che mentre può sembrare paradossale estendere la regola del permesso sanitario anche quando tutti parlano di ridurre le restrizioni, i cittadini dovrebbero mantenere il permesso quando partecipano a eventi o si recano in determinati luoghi per evitare un aumento dell'assistenza sanitaria. delle infezioni da COVID-19.

L'estensione del disegno di legge arriva su suggerimento del presidente Emmanuel Macron, che ha affermato che le restrizioni potrebbero essere allentate in alcune aree in cui i tassi di infezione da coronavirus stanno diminuendo.

La tessera sanitaria è stata introdotta a giugno dalle autorità del Paese. In precedenza, il Parlamento ha approvato un disegno di legge che richiede a tutti nel paese di essere in possesso di un certificato di vaccinazione, prova di guarigione da una malattia o risultato negativo di un recente test del coronavirus. Senza prove, i cittadini non possono accedere a bar, ristoranti, ospedali, centri commerciali, aerei, treni e così via.

Anche se chi ha un test del coronavirus negativo eseguito di recente rientra nelle stesse regole di chi è stato vaccinato, Macron ha suggerito che l'intera popolazione dovrebbe essere vaccinata perché è più conveniente avere un certificato di vaccinazione. pagare ed eseguire un test COVID-19 ogni 48 ore.

I turisti devono essere in possesso di un certificato per poter accedere a determinati luoghi e per accedere a determinati servizi. È valido anche il certificato digitale UE COVID.

Il “permesso sanitario” viene attuato nell'ambito del piano nazionale di riapertura. Consente di limitare i rischi di diffusione dell'epidemia, di ridurre al minimo la probabilità di contaminazione in situazioni di rischio e quindi la pressione sul sistema sanitario. Allo stesso tempo, consente alcune attività all'aperto.

Inoltre, ad eccezione della popolazione adulta, dal 30 settembre l'obbligo del permesso sanitario diventerà obbligatorio per tutti i giovani di età compresa tra i 12 ei 17 anni che vorranno partecipare a determinate manifestazioni.

I minori di età compresa tra 12 e 16 anni necessitano solo del consenso di un genitore per essere testati o vaccinati contro il COVID-19. Mentre le persone di età superiore ai 16 anni possono decidere da sole se vogliono essere vaccinate. Sulla base di dati recenti forniti dal governo francese, circa 50 milioni della popolazione del Paese ha ricevuto almeno una dose di vaccino contro il COVID-19.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.