Le compagnie aeree chiedono la revisione dei diritti dei passeggeri aerei dell'UE al risarcimento per i voli cancellati o in ritardo!

0 370

I passeggeri provenienti dai paesi dell'Unione Europea lo sono idoneo a chiedere un risarcimento dalle compagnie aeree per voli cancellati o ritardati per colpa della compagnia aerea e non per causa di forza maggiore.

In modalità normale, se il volo ha un ritardo superiore a tre ore a destinazione, i passeggeri possono ricevere tra 250 EURO e 600 EURO, a seconda della distanza tra l'aeroporto di partenza e quello di arrivo, nonostante tale importo sia ritenuto troppo elevato dalle compagnie aeree.

Secondo un precedente rapporto di Politico, la Repubblica Ceca, che ha recentemente assunto la presidenza del Consiglio europeo, ha lasciato intendere che tale questione è tra gli argomenti da discutere, secondo Travel Tomorrow, citato da schengenvisainfo.com.

Inoltre, il rapporto afferma che i diritti di risarcimento sono in vigore da più di 20 anni e le compagnie aeree hanno discusso contro di loro per altri 20 anni.

A tal proposito, da un rapporto pubblicato dalla Air Transport Association (IATA) è emerso che i rimborsi per i biglietti non utilizzati per il periodo marzo 2020 - maggio 2020 ammontano complessivamente a 9,2 miliardi di euro nell'Unione Europea, oltre che nel Regno Unito Regno Unito .

Di recente, un gran numero di compagnie aeree è stato costretto a cancellare o ritardare i voli, principalmente a causa della significativa carenza di manodopera e degli scioperi, e i passeggeri hanno diritto a richiedere un risarcimento. Tuttavia, le compagnie aeree affermano che ora più che mai le regole devono essere riviste, aggiungendo che una delle principali lamentele è che la compensazione è troppo alta.

 "... se paghi 50 euro per il biglietto e il volo viene cancellato o ritardato, ricevi 250 euro indietro. Questo non è corretto. Non ha senso!", ha sottolineato il CEO di Airlines for Europe (A4E), Thomas Reynaert. Inoltre, le compagnie aeree affermano che i ritardi non hanno un grande impatto sui viaggiatori, o almeno non abbastanza da giustificare un risarcimento.

Allo stesso tempo, Steven Berger, consulente legale del BEUC, ha dichiarato: "Se vai dalla Lituania al Portogallo per 30 euro e sei bloccato lì per due giorni tra un volo e l'altro, è giusto ricevere solo pochi euro di risarcimento? Dobbiamo mantenere il livello di compensazione e rafforzare l'applicazione".

A questo proposito, l'Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA) e l'Autorità per l'aviazione civile (CAA) hanno chiesto alle compagnie aeree di trattare meglio i viaggiatori in caso di cancellazione dei voli.

Allo stesso tempo, i gruppi per i diritti dei passeggeri hanno sottolineato che l'aumento del numero di casi che vanno in tribunale è dovuto principalmente al rifiuto delle compagnie aeree di pagare, aggiungendo che le regole devono essere applicate meglio, non ridotte.

Cosa ne pensi? Diritti dei passeggeri aerei sono da revisionare o vanno bene come sono adesso?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.