Approvate nuove restrizioni in Romania: quarantena notturna nelle aree con tasso di infezione superiore a 6/1000. Le persone vaccinate sono esenti!

0 598

In questa giornata il Governo ha adottato la Decisione con le nuove restrizioni decise dalla CNSU. Tra le nuove modifiche: la quarantena notturna sarà istituita nei fine settimana nelle località dove il tasso di infezione supera il 6 per mille; ad eccezione delle persone vaccinate contro il COVID; i negozi resteranno chiusi dalle ore 18.00 il venerdì, il sabato e la domenica solo nelle zone con incidenza superiore a 6/1000.

Il certificato verde COVID resta in vigore nelle zone con un tasso di contagio superiore al 3 per mille, e per i bambini sarà obbligatorio dai 12 anni, e non dai 6 anni, come adesso.

Le principali modifiche decise dalle autorità giovedì:

  • Introducendo una nuova eccezione al divieto di homelessness nelle località dove l'incidenza cumulativa a 14 giorni supera la soglia di 6/1000 abitanti, per i soggetti vaccinati che dimostrino la sussistenza di tale condizione mediante il certificato di vaccinazione o il certificato digitale dell'Unione Europea su COVID-19.
  • L'aumento dell'età fino alla quale i bambini sono esentati dall'obbligo di presentare il risultato negativo di un test RT-PCR per l'infezione da virus SARS-CoV-2, non più vecchio di 72 ore, o il risultato negativo certificato di un test rapido dell'antigene per l'infezione da Virus SARS-CoV-2, non più vecchio di 48 ore, richiesto per la partecipazione ad attività in cui l'accesso è consentito in questa condizione, da 6 anni a 12 anni.
  • Innalzamento della soglia di incidenza cumulata a 14 giorni a partire dai quali si applica il provvedimento di divieto di circolazione delle persone fuori casa, il venerdì, il sabato e la domenica, dagli attuali 4/1.000 abitanti ai 6/1.000 abitanti.
  • Innalzamento della soglia di incidenza cumulata a 14 giorni da cui si applica la misura di limitazione dell'orario di lavoro con il pubblico nell'intervallo di tempo 5:00-18:00, per gli operatori economici che svolgono attività di commercio/erogazione di servizi in spazi chiusi e/ oppure aperti, pubblici e/o privati, dai 4/1.000 abitanti attuali ai 6/1.000 abitanti.
  • Delimitazione, a livello dei centri commerciali dove operano più operatori economici, delle aree per la somministrazione di alimenti o bevande alcoliche e analcoliche, in modo che l'accesso controllato possa essere realizzato solo per le persone testate, vaccinate e malate.

La Decisione del Governo, adottata sulla base della decisione CNSU, entra in vigore dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Di seguito la Decisione del Governo adottata oggi, 23 settembre 2021

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.