Malta aprirà la stagione turistica il 1 giugno. I vaccinati potranno viaggiare senza limitazioni.

0 1.018

I programmi di vaccinazione in ogni paese europeo danno grandi speranze al settore del turismo. Sempre più Paesi annunciano l'intenzione di riaprire le frontiere per i turisti, soprattutto per quelli vaccinati, immunizzati naturalmente dall'infezione con il nuovo coronavirus o per coloro che stanno testando l'anti-COVID.

Malta, con il 40% della popolazione vaccinata con la prima dose, annuncia di voler rilanciare il turismo internazionale a partire dal 1 giugno. Tuttavia, a seconda del paese di origine, i viaggiatori potranno entrare a Malta sulla base del certificato di vaccinazione, un risultato negativo a seguito del test PCR COVID-19 o se presentano un certificato di immunizzazione. Chi viaggerà da paesi "verdi" non sarà condizionato, potendo viaggiare liberamente.

Malta applicherà il sistema del "semaforo" per classificare i paesi (rosso, giallo e verde). Nell'Unione Europea e nei paesi con cui Malta ha un accordo sanitario bilaterale, le persone completamente vaccinate (10 giorni dopo il richiamo) possono viaggiare liberamente, purché presentino la prova della vaccinazione. I viaggi al di fuori dell'UE devono rispettare le condizioni stabilite dall'UE (Schengen).

La Malta Tourism Authority lancerà una nuova campagna promozionale Sentiti di nuovo libero, con l'obiettivo di attirare i turisti. Possono approfittare della libertà di viaggiare a Malta quando è il momento giusto.

Se stanno viaggiando nella zona gialla e non sono ancora stati vaccinati ma vogliono viaggiare a Malta, devono risultare negativi per un test PCR COVID-19. Va notato che questo deve essere fatto entro e non oltre 72 ore prima dell'orario di ingresso a Malta. Ovviamente chi vuole viaggiare nel verde non deve più presentare nulla. Potranno viaggiare liberamente.

La Malta Tourism Authority ricorda che sono state implementate Protocolli COVID. Ristoranti, alloggi e fornitori di servizi soddisfano i più elevati standard di pulizia e sicurezza sanitaria.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.